domenica 1 settembre 2013

IL VICEPRESIDENTE ASSOREGATANTI GAETANO BREGANTIN CI HA FATTO PERVENIRE QUESTA CIRCOLARE INTERNA





ANNA CAMPAGNARI "ANARETA", GIA' PLURICAMPIONESSA DELLA VOGA VENETA, L'ARTISTA CHE HA CONFEZIONATO E DIPINTO A MANO I PREMI PIU' AMBITI DA OGNI REGATANTE: LE BANDIERE IN REGATA STORICA!






di Gaetano Bregantin





Mi permetto di fornirVi alcune informazioni sull’attività dell’Associazione; disponendo di pochi indirizzi e-mail, Vi prego di inoltrare la presente agli altri Vostri colleghi non presenti nell’indirizzario.

Mercoledì 28 agosto c’è stato un incontro in Assessorato alla Tutela delle Tradizioni con l’Assessore ed il Presidente di Ve.La.spa, Piero Rosasalva. Il Sindaco, al quale l’Associazione aveva chiesto un incontro, non c’era , ne’ ha dato risposta alcuna a quella richiesta.

All’incontro erano presenti i consiglieri Rogliani, Bregantin, Zanella, Almansi, Tagliapietra L., Busetto, Vignotto R.: Era altresì presente Maurizio Rossi.

Abbiamo chiesto precisa risposta ai tre quesiti posti al Sindaco, che sinteticamente erano: 
1) cosa avete fatto per il personale specializzato del Cantiere; 
2) cosa avete fatto per rilanciare la Storica e riportare spettatori in Canal Grande; 
3) cosa avete fatto per reperire nuovi sponsor e con quali risultati.

Ad 1) L’assessore ha sostanzialmente risposto che non sa cosa farci e che l’eventuale accordo con VESTA non dipende da lui.
A 2) Non è stata data nessuna risposta; anzi Il Presidente di Ve.La. insisteva nel dire: parliamo delle sponsorizzazioni che vi interessano di più (come dire: vi tengo buoni con quattro soldi e così non rompete le scatole); in seguito ad insistenze per affrontare prima il problema su cosa fosse stato fatto per la Storica, ha minacciato di andarsene via. Così sul punto non c’è stata nessuna risposta.
A 3) E’ stato dato un elenco di Sponsor che, contattati, hanno dato la loro adesione. Si tratta di sponsorizzazioni in denaro (dai 52.000,00 euro dello scorso anno a 59.700,00 euro) ed in natura, queste ultime per un valore di circa 30.000,00 euro ( e ciò nonostante la situazione economica generale abbia “afflosciato” anche il settore delle sponsorizzazioni). Questo significa che finalmente qualcuno che doveva reperire questi sponsor si è dato una piccola mossa.

Una cosa positiva (ma come al solito sembrano le promesse fatte dai politici prima delle elezioni – ovvero, nel nostro caso, alla immediata vigilia della Storica) è che il Presidente di Ve.La. ha promesso una serie di iniziative (assolutamente condivisibili, ed anzi già da noi stessi sollecitate fin dal mese di febbraio) atte a “pubblicizzare” la figura del regatante nell’ambito del tessuto cittadino e nell’ambito imprenditoriale commerciale: dobbiamo cioè collaborare per rivalutare la figura del regatante con tutta un’ opera di pubblicizzazione (partecipazione ad inaugurazioni, fare da testimonial ad eventi, ecc,) che certamente può costituire un fastidio, ma che è determinante per far meglio conoscere il nostro sport ed i suoi protagonisti, e più quello sport e quei protagonisti saranno conosciuti, più facile sarà raccogliere i relativi frutti.

Altra piccola cosa positiva è la confermata disponibilità di Ve-La ad inserire gli sponsor dei singoli equipaggi tra quelli “pubblici” e darne visibiltà attraverso un banner scorrevole posto nei pressi della “Machina” (a questo proposito Vi abbiamo già fornito gli indirizzi e-mail di Ve.La. cui far pervenire inderogabilmente entro venerdì mattina i loghi dei Vostri sponsor).

Infine ci è stato richiesto come dividere i denari dei premi offerti dagli sponsor ( e cioè i 59.700,00). Con decisione presa a maggioranza, è stato indicato al Comune di effettuare una ripartizione di questo tipo: 47% del totale ai gondolini; 25% alle caorline; 25% alle donne e 3% ai giovani (sempre con la scaletta che prevede al primo il doppio del premio dell’ultimo). Poi all’unanimità è stato indicato al Comune il criterio di divisione dei premi in natura, che ha visto un notevole dirottamento a favore dei giovani, per i quali abbiamo anche ottenuto un sì a remi e forcole in premio.

Questa dunque la ripartizione:
27.000 euro ai gondolini (3600 al primo equipaggio e 1800 al decimo); 
15.000 euro a donne e caorline (2000 euro al primo equipaggio e 992 all’ultimo); 
 3.000 euro ai giovani (400 euro al primo equipaggio e 193 al decimo).



I premi aggiunti in natura sono stati così attribuiti

GONDOLINI
: un quadro artista Ciliberti; due orologi ditta Leonardo Gioielli; due biglietti per la Prima della Carmen alla Fenice.

: maialino di vetro di “Promovetro”.

: due abbonamenti annuali tribuna numerata Reyer Venezia serie A.



DONNE

: Due paia di orecchini Gioielleria Salvadori; due biglietti per la Prima della Carmen alla Fenice.

Tutti e 10 gli equipaggi: una seduta di massaggi al centro benessere dell’hotel Hungaria del Lido (uno per equipaggio)

: due abbonamenti annuali palestra Fitness del Cus Venezia



CAORLINE

1° : sette buoni Coop per acquisti del valore di 100 euro ciascuno.



GIOVANI

: due biglietti per la Prima della Carmen alla Fenice; due abbonamenti annuali tribuna numerata Reyer Venezia serie A

: due abbonamenti annuali tribuna numerata Reyer Venezia serie A

: due abbonamenti annuali tribuna centrale numerata Calcio Venezia

: due abbonamenti annuali tribuna centrale numerata Calcio Venezia

: due abbonamenti annuali tribuna centrale numerata Calcio Venezia

A tutti e 10 gli equipaggi:  
- abbonamento annuale ACTV studenti Linee di Navigazione e Terraferma
- 1 buono acquisto COOP da 50 euro (uno per ciascun vogatore)
- Forcola e remo.



Il risultato, anche se non eccezionale (accompagnato anche dall’adozione della delibera che ha ampliato gli spazi della pubblicità sulle maglie portandoli a 20 x 30 ed estendendoli anche al retro), è stato raggiunto soprattutto grazie al “sacrificio” che tutti i regatanti in ruolo della Regata del redentore hanno attuato con il loro sciopero, che era a favore e nell’interesse di tutto il mondo della voga, senza alcuna distinzione tra uomini,donne , giovani, serie A e serie B. A tutti questi atleti ritengo debba venir dato un grazie di cuore per il loro gesto , che ha dimostrato compattezza e solidarietà e soprattutto ci ha garantito una certa “forza contrattuale”. 
Purtroppo questo loro sacrificio è stato parzialmente vanificato dall’opera dissennata di una persona che, lasciata libera di agire, ha tentato di incrinare il fronte seminando zizzanie e soprattutto minando l’immagine di compattezza che avevamo così faticosamente cercato di costruire, rendendoci così meno forti nel corso dei confronti con il Comune.
Resta da dire che il mondo della voga non è solo invidia, acredine, zizzanie e baruffe (sulle quali qualche giornalista campa), ma è anche un mondo che sa esprimere ed indicare valori di sportività, di solidarietà ed amicizia. Ne è esempio eclatante la recente dolorosa scomparsa del nostro amico Mirco Savio: chiesa e piazza di Treporti stipata all’inverosimile con decine e decine di regatanti venuti a salutarlo per l’ultima volta, tutti insieme come un’unica grande famiglia che ha come filo conduttore comune la passione per lo sport, per le nostre tradizioni e per l’ambiente lagunare.

Recependo a questo proposito le innumerevoli richieste pervenute da Regatanti di serie A, dalle donne, dai giovani e delle caorline, l’Associazione invita tutti gli equipaggi a ricordare Mirco domenica in Canal Grande con un segno di lutto su tutte le imbarcazioni: un adesivo nero sul ferro da prua dei gondolini, ed una fettuccia nera a prua di mascarette, pupparini e caorline.



Cordiali saluti a tutti,

Marino Almansi

Nessun commento: