mercoledì 5 settembre 2012

CONFERENZA STAMPA DI FINE REGATA STORICA: MARTEDI' 5 SETTEMBRE 2012




di Massimo Veronese




Si è tenuta martedì 4 settembre alle 12:30 nella Sala Piccola del consiglio a Ca' Farsetti, la conferenza stampa di chiusura della Regata Storica 2012. Alla presenza dei rappresentanti delle maggiori testate e televisioni locali, l'assessore alla salvaguardia delle tradizioni Robero Panciera, coadiuvato dal dirigente Stefano Pillinini e dal presidente di Venezia marketing eventi, Piero Rosa Salva, ha relazionato sulla più significativa manifestazione della nostra città, svoltasi domenica scorsa. Presenti anche i regatanti Igor e Rudy Vignotto, Fabio Donà e Luca Ballarin. Questi ultimi direttamente interessati per ascoltare che cosa avesse deciso l'amministrazione comunale in merito all'episodio occorso al loro gondolino canarin durante la regata dei campioni. Ricordiamo che durante il percorso di andata all'altezza della "machina", i due, in quel momento saldamente in terza posizione, sono stati speronati da un'imbarcazione della giuria facendogli perdere la rotta e mandandoli a cozzare contro un'altro natante ormeggiato lungo la riva. Nel video la testimonianza di quanto accaduto e dell'amarezza con la quale hanno ascoltato la relazione i giovani protagonisti della vicenda.

Durante il "disnar dei regatanti" tradizionalmente offerto dal Ristorante "Ai do forni", ho edotto tutti i regatanti non presenti alla conferenza stampa sui contenuti della stessa. Esperienza mi insegna che la vicenda non si conclude nel modo paventato. C'è da scommeterci e l'invito è quello di collegarvi col nostro sito nei prossimi giorni per seguire gli eventi che saranno qui tempestivamente riportati.



CONSIGLIAMO DI USARE LE CUFFIE PER UN MIGLIORE ASCOLTO

19 commenti:

Anonimo ha detto...

Panciera dice che il regolamento prevede che l'ordine d'arrivo non cambi, ma l'anno scorso per la regata di Burano non è stato cambiato?

Il giustiziere ha detto...

Tutto è sempre stato fatto, sia dalle commissioni che dai politici veneziani. Si è andati più volte anche contro il regolamento e sempre , guarda a caso, a favore di un equipaggio! Mi riferisco a Gianpaolo D'Este e ai suoi vari poppieri! Purtroppo se Donà, invece di essere nipote di Ivo Redolfi Tezzat fosse stato nipote di D'Este, la bandiera gliel'avrebbero consegnata (su ordine d''Assessore PANCERA) all'arrivo della regata come è stato l'anno scorso alla Regata di Burano! Onore ai cugini Vignottelli per il gesto esemplare di fare da sponsor per il livellamento dei premi. Questo li consacra CAMPIONI in tutti i sensi! Dispiace a tutti per il danno subito dal giallo ma purtroppo visto il video della conferenza stampa e il nuovo regolamento non sarà possibile cambiare l'ordine d'arrivo. Tengo a precisare che quelli che nei vari commenti e discorsi che si leggono e si sentono in giro dell'incompetenza dei giudici attuali sono quelli che 2 anni fa hanno fatto pressione per eliminare i giudici BRAVI e COMPETENTI che c'erano. Mi riferisco in particolar modo ai vari D'Este, i Fratelli Tezzat, Prevedello, Almansi, Selle e pochi altri! Se si è arrivati a cambiare in due anni due regolamenti e a far piazza pulita dei giudici competenti è solo perchè una volta nella storia delle regate si sono messi d'impegno a far rispettare il regolamneto (Regata Storica 2010) squalificando giustamente i sempre protetti D'Este-Redolfi. Quando in passato veniva squalificata la coppia Prevedello-Redolfi tutto filava sempre liscio, tutti dicevano: "I XE TROPPO SCORRETTI; I ROVINA E REGATE". Le manovre che Redolfi esegue sono sempre le stesse di quel tempo ma visto che fa coppia con il Super Campione D'Este Gianpaolo sono diventate lecite, qui mi fermo. Ciao a tutti e bello il sito.

MARCO LAZZARINI ha detto...

Dal video della conferenza, apprendo che non sarà possibile dare il terzo posto agli sfortunati Donà-Ballarin perché il "REGOLAMENTO" prevede che non possa essere, in alcun modo, modificata la classifica finale; Se ben ho capito, tutte le parti però, riconoscono il torto subito dal "gondolino giallo" ed ammettono che andrebbe riconosciuta loro la terza posizione, a questo punto il problema sarebbe il "REGOLAMENTO" e qui voglio lanciare una riflessione:
Cinquemila anni fa gli uomini avevano leggi del tipo "occhio per occhio, dente per dente",un po' per volta, con il progredire della civiltà certe leggi sono decadute, sostituite da legi migliori, fino ad arrivare agli ideali della rivoluzione francese "libertà, ugualianza e fratellanza", questo perchè le leggi ed i regolamenti sono utili agli uomini fino a che non ci si rende conto che è il momento di cambiarli con leggi e regolamneti migliori.
In questo caso, penso che siamo difronte ad un regolamento da cambiare a favore di uno migliore, invito quindi, chi di dovere, a rifletterci sopra senza accanirsi con una soluzione sbagliata.

Paola Toso ha detto...

Qui non si tratta ne di Vignotto e ne di D'Este/Redolfi Tezzat... E' un errore dei giudici, giudici comunali. Il comune deve prendersi le sue responsabilità e non lasciare il problema ad altri.

Geppetto ha detto...

Kenia siccome che so vecio e ghe sento poco poco non riesco a capir cossa che dize l'assessor e cossa che c'entra i vignotto co e a giuria che sperona el zao .....ma ....go etto el to commento ma no ghe ne vado fora ......spetta che ze qua' pinocchio .....che sempre par via del naso el te somegia un poco ......dime pinocchio ......ti ga sentio papèa' che i vignotto vol darghe i schei del premio del terzo a ballarin e dona' ...........aaaaaa par queo i gera in conferensa stampa coll'assessor ......anca ti kenia ti dovarissi far na pagina intiera su sto gesto co tutto queo che succede nello sport tra dopping scomesse partie truccae ......na roba del genere merita un risalto eccesional .......pensa che anca mio fio pinocchio che stravedeva pa el gigante pian pian el ze drio cambiar opinion .....ahahahahaha ciao kenia te vogio ben ........

PIERINO ha detto...

Marco lazzarini ti xe ridicolo ma cossa ti vol che cambiemo el regolamento tutti i anni,ia rivolusion francese, "libertà, ugualianza e fratellanza", ma ti vol far ride anca e gaine a Treporti,ma no ti io ga ancora capio el motto dei regatanti che xe ‘’MORTE TUA VITA MIA’’.
E ghe vorria adesso che e leggi de 5000 anni fa andarissimo meio
Se proprio ti vol cambiar qualcossa proponi di sopprimere le regate di serie B e le regate delle caorline, sono
Regate inutili,voi ‘’ regatanti ‘’ di serie B dovete fare le regate sociali ,quelle sono per il vostro livello.
Lasciate spazio alle donne e ai Giovanissimi .

Anonimo ha detto...

e quei che adesso fa regate sociali gà invesse da far i pensionati della voga e andar a far el giretto al dopopranso e basta

MARCO LAZZARINI ha detto...

Bravo Pierino, mi sarò anca ridicoeo... Ti ga ragion, sopprimemo e regate de serie B, sopprimemo anca quee de e caorline e andemo tutti a vardar quei che resta! tempo do anni e no voga più nessuno...

Anonimo ha detto...

Molti regatanti della seria A attuali arrivano proprio dalla serie B di anni fa, proprio Barzaghi ed Angelin (per citare qualcuno e guarda caso hanno portato a casa la bandiera in gondolino) non molti anni fa facevano le regate di serie B, anzi all'inizio alcuni non entravano in ruolo nemmeno li. Per ogni sport c'è una o più categorie minori, il vero senso dello sport comunque non è la vittoria nella massima categoria, qualunque essa sia, lo SPORT è molto di più.. mi dispiace che ci siano ancora persone che non ne capiscano i veri valori..

Anonimo ha detto...

Non credo che il motto dei regatanti sia quello, è importantisssimo che le remiere, le scuole, le istituzioni tutte si impegnino nella formazione di SPORTIVI e non praticanti di sport. Poi purtroppo lo scemo del villaggio lo si trova dappertutto.. anche qui nel blog di remiera casteo..

PIERINO ha detto...

MI savevo che ghe fusse solo el sabato del villaggio . a scuola i me ga insegna cussi .
ciao

Anonimo ha detto...

già è uno degli sport più chiusi per innovamento e sempre seguito con meno interesse dalla gente se non allarghiamo anche al di fuori il bacino d' utenza le manifestazioni e la pratica della voga e anzi vogliamo addirittura togliere spazio ai serie B allora lasciamoci morire nell' indifferenza totale.
Vuoi anche togliere (ad esempio) terza seconda categotia serie c serie b del calcio cosi restano più premi ai bravissimi e soprattutto sportivi serie a .
il concetto è lo stesso.

Luca Macchion ha detto...

Vorrei ricordare al signor Pierino che Fabio Donà, tanto per prenderne uno a caso, un anno fa arrivava secondo a SS. Giovanni e Paolo in serie B!! La stessa cosa posso dire di Enrico Tagliapietra(Panna)in ruolo lo scorso anno a Pellestrina, per poi parlare di Giuliano Pagan in serie B due anni fa di riserva in storica ma sempre in ruolo quest'anno e lo scorso! Per poi nominare Garlato Di Pol in ruolo a Pellestrina nello scorso agosto. Quindi direi che il vero laboratorio dei regatanti è proprio la serie B e che andrebbe quindi incentivata, portandola quantomento allo stesso numero di regate della serie A per dar modo alle nuove leve di formarsi. Anche perchè, purtroppo, di D'Este e Vignotto ne nascono un paio al secolo, tutti gli altri devono sudare e impegnarsi per cercare di emergere.Quindi diamogli modo di farlo se non vogliamo trovarci tra qualche anno a fare la storica con quattro o cinque gondolini!!!

Anonimo ha detto...

Certo che la serie a di spettacolo ne ha dato poco gli ultimi anni, hanno solo fatto perdere la voglia di vogare

PIERINO ha detto...

X Luca Macchion
Fra dieci anni tutti i regatanti di serieB di adesso faranno i gondolini della storica, e ti spiego anche il perché: i veri talenti a causa dell’ età non vogheranno più, e lasceranno il posto alle mediocrità, te lo dimostra il fatto che d’este e i Vignotto sono sulla breccia da 20 anni ,e se le nuove leve sono quelli che hai nominato ti assicuro che rimarranno sulla breccia per altri 20 .
Quando i veri campioni smetteranno di vogare la regata dei gondolini non sarà più la formula 1 della laguna,ma la regata delle 500. Ciao..
PIERINO

Anonimo ha detto...

bella conferenza stampa democratica e responsabile..... ma DOVEEE. Il comune fa il danno e i Regatanti devono pagare o rispondere con firme ecc ma DOVEEE.... Se un regatante sbaglia o vedono sbagliato ed e capitato tante volte questo viene condannato sul campo e i premi li tiene il Comune. Se invece il Comune sbaglia pagano i regatanti e gli vengono affiabiate anche le responsabilità per sgravarle al Comune. Fate ricorso e chiedete che la Regata abbia termine nel momemnto del'incidente. Il Comune ha la responsabilità in solido del danno causato. Se respingono il ricorso rivolgetevi ad un legale vedrete che il Comune si prenderà finalmente se sue responsabilità.
L'assessore fa esempi banali ed ignoranti è come se un vigile per fermarnmi mi spara il danno chi lo sostiene uno sponsor o il comune? Abbiamo un ciomune di irresponsabili.
Questa Amministrazione è RIDICOLA non si assume alcuna responsabilità paga centinaia di migliaia di euro i dirigenti perchè facciano le figure che fanno e se sbagliano i Regatanti pagano. Fate ricorso e chiedete di fermare la regata nell'incidente e solo dopo potra essere omologato l'ordine di arrivo. E PAZZESCO MAI VISTO NULLA DI SIMILE E LA CONFERENZA E' ALTRETTANTO RIDICOLA.

Anonimo ha detto...

La conferenza stampa è stata una cosa veramente sportiva dove non si è mai vista negli anni. Riguardo a fermare la regata al momento dell'incidente non mi sembra corretto nei confronti di tutti gli altri concorrenti che sono arrivati a fine gara.
Di incidenti ce ne sono stati tanti in passato e ogni volta il comune ha cambiato il regolamento per l'anno nuovo. Sicuramente è l'unica cosa da fare.

Rudy ha detto...

X Macchion
Ciao, sono Rudy Gregolin, per caso ti sto antipatico?
Nel post che fai riferimento all'entrata del Panna a Pellestrina, perchè nomini solo lui e subito dopo nomini la coppia Garlato-De Pol che anche loro hanno centrato l'entrata a Pellestrina?
Non ricordo di essermi fatto trasportare...

Anonimo ha detto...

La regata viene svolta tramite bando comunale quindi è il comune responsabile e deve perciò riparare al danno pagando la differenza del premio e se io fossi l'equipaggio del gondolino giallo farei anche causa al comune e chiederei i danni morali e materiali causati da dei giudici incompetenti e anche pericolosi per l'incolumità altrui. E' stata una vergogna!