giovedì 25 agosto 2016

DEDICATO AL CONSIGLIO COMUNALE DI MERCOLEDI' 24 AGOSTO 2016















 CLICCA SULL'IMMAGINE PER LEGGERE L'ARTICOLO




Sin da piccola mio padre mi ha fatto amare le regate. Per me scandivano il tempo della stagione estiva, non ce ne perdevamo una. All'inizio non avevamo la barca ma eravamo sempre presenti sulle fondamente o nei pressi degli arrivi: Ss. Giovanni e Paolo, Redentor, Pellestrina, Storica, Burano: erano un rito. Mio padre Delio passava ore a Malamocco a seguire le eliminatorie per la storica armato di penna e blocco notes per i tempi delle batterie. Poi con la barca ore e ore in Canalazzo, avevo la bimba piccola e la portavo in barca in carrozzino. Dopo il corteo e tanta attesa finalmente arrivavano le caorline possenti, spinte da uomini forti e la commozione saliva. Chi non ama la voga non può capire cosa si prova in quei momenti. E poi il ritorno sotto il ponte di Rialto, momento spettacolare, chi riesce si butta al campo ultima sfida per arrivare primo alla Machina. Ora leggo sul Gazzettino e nuova Venezia di oggi che si vuole togliere tutto ciò e caorline, giovanissimi e donne dovrebbero finire la gara alla Stazione e non alla Machina: a chi giova? Afferma il consigliere Giusto che così si accorciano i tempi di attesa. Non si può pensare che i veneziani rimangano in Canalazzo solo per vedere la gara all'ultima remata dei gondolini e non anche delle caorline, dei pupparini e delle donne fino alla Machina. Chi ama Venezia e capisce questo mio appello lo diffonda! Grazie !


! ! ! A C C O N T E N T A T A  V O L E N T I E R I ! ! !


14 commenti:

Anonimo ha detto...

Dopo i gondolini hanno segato il percorso delle caorline e delle mascarete .....

Luca ha detto...

Ti gà razon Giancarla!
A sto punto, per accorciare i tempi, perché non fare una bella regata di taxi? tra l'altro cosi, oggi sarebbe molto più veneziana di qualunque barca a remi :-P

Anonimo ha detto...

Il tutto porta ad una lenta ma inesorabile estinzione delle regate. Del resto tutto come previsto noh? Già la sciocchezza di cambiare il percorso della regata del redentore, inventandosi quattro giri del paletto inutili che in presenza delle due coppie di super campioni avrebbe causato chissà che casini e quante ulteriori squalifiche. Ora la dimostrazione lampante dell'importanza che questa amministrazione dà alle regate, accorciando per questione di tempi...dicono...le caorline e le donne, dimostrando che si tratta solo di inutili regate di contorno che di certo (secondo loro)non interessano i veneziani, poi studiano il modo per far andare i veneziani in canale. Tempo due anni e le regate le vedremo solo sui vecchi filmati....e il comune risparmierà tempo e denaro.

Anonimo ha detto...

E' una vergogna!!! Ma perché i regatanti non reagiscono, possibile che i sponsor e perciò il Dio denaro faccia perdere di vista le cose che contano? Pare proprio di si. Grazie Giancarla.

Davide Prevedello ha detto...

La Regata non esiste più. Al suo posto hanno preso il sopravvento la speculazione turistica.Chi ha una casa a venezis scappa a Mesre e affitta ai turisti. Una volta andavano in canalazzo al mattino e finivano alla sera contenti. Questo mondo non esiste piu' e le categorie che dovrebbero difendere queste manifestazioni se ne fregano. Che difficile poter pensare che quel mondo gia' sparito non tirnera' mai piu'. Ogni anno questa Regata e rovinata dalle polemiche e mai come quedt'anno da qualche pazzo furioso scatenato. Non si tratta di tempi morti na della morte della Regata. Povera citta'!!!!!

Brunoorsolupo ha detto...

Ho pensato lestesse cose e provato gli stessi sentimenti. Cosi si allontanano i tifosi dalle rive dei canali.

Berto Schiena ha detto...

Haaa Kenia so che ti ze drio pensar almanco i gavesse scurta a regata co go voga mi ...hahahaha .....Tornando alle cose serie credo che ormai abbiamo raggiunto il limite ...come Giancarla anche io sono uno di quelli per cui la regata storica è sinonimo della più alta forma di Venezianita ...io la vedo da ormai 40 anni senza nessuna sosta ,sono uno di quelli che ancora si presenta in canale alle 11 di mattina ..li in trepidante attesa ,ad aspettare che le prue escano dalla volta canal ad ascoltare voci che si rincorrono ,a cercare di capire cosa sta succedendo mentre le barche vanno al paletto per poi vederle finalmente rispuntare da sotto il ponte tagliando a premando verso la riva del comune ....è la machina a S To ma i l traguardo più ambito per tutti quelli che hanno avuto il privilegio di poter disputare una STORICA. ...Alla stazione ce il Burgher King. ...cosa diamo come premio un chees Burgher al posto de a strassa agognata ....

Giuseppe G ha detto...

Sono con te Giancarla....Mi chiedo come mai i regatanti accettino tutto questo !!!!! Se. Siete uomini rimanete a casa .....fancu......giusto

Anonimo ha detto...

I cambiamenti non sempre sono negativi e solo provando si può vedere se le scelte fatte sono giuste o sbagliate. Mi lascia però perplesso che la comunicazione sia stata data solo adesso e che nei bandi del Comune sono previsti i percorsi tradizionali.
Per le premiazioni poi? Cossa i fa? I torna indrio mentre i riva quei de che altre regate o i beve un spriss in stasion mentre che i speta ea fine dei gondolini e dopo i ghe va drio?
Forse era meglio confrontarsi prima...., cavar via i galeoni (che tanto vinse Ca Foscari)e rimettere nel primo pomeriggio la regata su gondole delle remiere. Speremo ben...

andrea ha detto...

la staticità e il ripetere perpetuo delle cose porta alla fine di ogni cosa, mi sembra che sia proprio quello che succede alla voga. A mio avviso chi cerca di cambiare, ha nel cuore l'amore per Venezia e per la voga. Abbiamo visto che in canal no viene quasi più nessun, alle regate tolti i famigliari sarebbe deserto assoluto.
Perchè condannare e commentare sempre negativamente chi propone di dare una svolta alla staticità?..... è vero che per natura umana ogni cambiamento spaventa.
Abbiamo mai pensato di proporre invece di dire no a priori?
Qualcuno una decina di anni fà è stato criticato perchè ha portato in "storica" le remiere co e gondoe, i putei così picoi e farli voga e in canal nasarà casini; vi ricordate??? (vardè i filmati dee Maciare e desso i xe sora i pupparini)
Premessa no me ciamo Giovanni e no faso parte in nesun modo del Comune di Venezia.
Bisogna provare cose nuove senza stravolgere la voga per ridargli nuova linfa vitale, prima si prova e al limite poi si recrimina; ma ricriminare prima di provare porta alla negatività e questo non giova anessuno.

Anonimo ha detto...

Sono personalmente d'accordo con chi vuole rinnovare la regata storica ma questo di certo non è il modo giusto!
Come si può pensare di negare arrivo e premiazioni dei regatanti alla Machina?????
Come si può pensare di negare la cavata finale da Rialto alla Machina a tre delle quattro regate?????
Da regatante ricordo con i peli d'oca lo sbucare dal ponte di Rialto e le ultime fatiche verso l'arrivo... il boato dei tifosi che aspettano la cavata finale anche dagli equipaggi nelle posizioni finali.
No non sono d'accordo.
Leonardo.

Anonimo ha detto...

È come se il Palio di Siena venisse svolto in un Ippodromo...immagina...puoi !! L'unica arma che I veneziani hanno è quella della "non partecioazione"!!! Solo in questa maniera forse il Sig. .Giusto capirà di aver sbagliato su tutti i fronti !! BISOGNA salvare l'unica cosa che ci rimane di tradizione veneziana! !!

Anonimo ha detto...

con i tanti squalificati dei gondolini e visti i risultati delle eliminatorie delle caorline l'unica regata "veramente combattuta e interessante" quest'anno sarà quella delle donne che però si vedono ridurre il percorso.....
....e se il problema della voga veneta di oggi fosse il sig.Giusto cui interessa più il folclore che l'agonismo ?.....
gigi

Anonimo ha detto...

Giulio ha detto...Caro Andrea
aggiungere qualcosa nel bene o nel male è di per sé positivo.
Innovare facendo tagli a percorsi e accorciando le regate mi sembra di no. Quì non si tratta di paura di cambiare, ma di stravolgere sentimenti ed emozioni. Per tutte, l'arrivo dell'anno scorso delle caorline con un rush finale memorabile e imperdibile. E poi scusate, ma agli ospiti della "machina" cosa farete vedere??? Ahh si ....i galeoni... Non ci sono scuse per questo scempio....continuate così....che tanto manca poco...