mercoledì 2 settembre 2015

REGATA STORICA GIOVANISSIMI SU PUPPARINI - DOMENICA 6 SETTEMBRE 2015 ORE 16:50: PRESENTAZIONE








di Saverio Pastor (remer)





Il buon Lillo Veronese, non avendo più “man da tender”, mi chiede una presentazione dei giovanissimi partecipanti alla prossima Regata Storica 2015. Lo faccio volentieri poiché, per misteriose ragioni famigliari, ho avuto modo di seguire un po’ questa nidiata di maciarèle che si sono trasformate in pochi anni in un bel banco di baìcoli, lucenti e scattanti. Seguirò l’ordine dato dalle selezioni partendo dalla fine e avvicinandomi ai più accreditati alle bandiere.

La riserva di Pietro (98) e Giorgio (99) Neri è una coppia di fratelli, comparsa improvvisamente alle eliminatorie; venendo da Oriago frequentano il vivace Gruppo Remiero Rivierasco e il DLF veneziano. Aver conquistato la riserva alla prima esperienza fa ben sperare e ci auguriamo tutti che riescano presto a migliorarsi per poter vederli sul campo di gara seguiti dal tifo della terraferma. 

Il marron di Elia Pedron (2000) e di Fabio Maresca (2001) detto "Toreto" si è imposto molto più per la grinta e la passione che per la prestanza fisica. Infatti è una coppia appena formata con il provier che, seppur sia il più piccolo dei giovanissimi, sembra essere quasi il più determinato ad arrivare fra i grandi con una bandiera in mano. Del resto essendo sarasmini hanno una scuola di primordine ed immagino una quantità di foto dei loro maestri, i cugini Vignotto, appese ai muri delle loro camere. 

Il celeste di Davide Busetto (2000) e di Manuel Ballarin (2000) promette bene soprattutto per un futuro in grande crescita. Hanno alle spalle il tifo di San Pietro in Volta e di metà Pellestrina vogando con i colori della Polisportiva Portosecco ed avendo un allenatore che li segue con la passione e l’entusiasmo che solo un nonno può avere; se poi il nonno è stato anche un buon regatante come Angelo Busetto detto "Bragosso", allora di sorprese possiamo ben aspettarne. 

Il bianco di Daniele Scarpa (2000) e di Davide Rosada (98) è un’altra delle grosse sorprese di queste ultime eliminatorie. Si sono presentati con una decina di giorni di allenamento e hanno stupito per la qualità delle loro prestazioni. Anche in questo caso si potrebbero spartire i meriti tra genetica e scuola, infatti Davide pur non avendo toccato il remo fino a pochi giorni fa è cresciuto in mezzo alle bandiere e alle forcole del fratello Andrea (che domenica vogherà in caorlina) mentre si faranno sentire il tifo della Remiera Pellestrina e gli insegnamenti del mitico Teresido Zennaro che in isola ha formato tantissimi giovani regatanti. Sono quindi sicuro che le sorprese non sono finite qui e attenti a quei due. 

Il canarìn di Giacomo Pastor (99) e di Riccardo Merlo (97) pare aver finalmente trovato un buon assetto. Sono stati formati dagli insegnamenti del gran regatante e ottimo istruttore Bepi Suste (Giuseppe Rossi di Burano) nella storica Società Canottieri Marco Querini e hanno iniziato a vogare assieme alla fine dello scorso anno. Mollata la riva sicura della Querini hanno trascorso un inverno perdendo riferimenti, impostazioni ed assieme fin quasi a rasentare l’addio alla voga. Il trio dei fratelli Busetto, in particolare el bon vecio Gianni, li ha rimessi in sesto facendoli diventare a pieno titolo l’equipaggio della Remiera Casteo. Sembrano oggi in buona forma e ben motivati a migliorare questo loro sesto posto nella classifica generale. 

L’arancio di Antony Vianello (99) e di Davide Vio(99) quest’anno ha già conquistato qualche bandiera e di certo non rinuncerà a prendersene una in Canalazzo. Antony è in rappresentanza del settore orientale della laguna: Jesolano, ha frequentato le remiere della zona fino alla Canottieri Mestre; si è imposto tra i regatanti da un paio d’anni, anche a un remo, esibendo uno stile non da manuale ma di evidente efficacia visti i risultati. Davide ha imparato con Suste e col nonno Roberto Vio, volto notissimo in Pescheria. Ora Franco Dei Rossi "Strigheta" li sta perfezionando, cosicché la Voga e para di Burano potrà portare anche a loro il tifo dell’isola. 

Il rosa di Matteo Zaniol (99) e Tommaso Moretti (99) è l’equipaggio più rodato dei dieci: vogano in coppia da molti (!) anni, fanno entrambi Judo e son grandi amici. Un assieme così ben collaudato li avvantaggia anche rispetto ad equipaggi dai fisici più formati e performanti. La tecnica poi l’hanno imparata e perfezionata alla scuola del Gruppo Remiero Murano con maestri del calibro degli Schiavon e Vignotto. Atleti in formazione, Matteo è anche un ottimo poppiere ad un remo, hanno sempre dimostrato una grinta particolare che ha permesso loro di accumulare un bel numero di bandiere… e quella della storica è lì, per loro; quale sarà dipenderà dagli altri perché loro sicuramente puntano al rosso. Muranesi ben radicati nell’isola avranno sicuramente il seguito che meritano. 

Il verde di Filippo Bon (98) e Mattia Vignotto (98) ci introduce al gruppo dei probabili primi. Li abbiamo visti già nella storica del 2014 fare una regata tutta al campo tentando di mantenere la prima posizione; una dimostrazione di gran generosità e sportività che alla fine li ha visti quarti. Era la loro prima regata assieme e in quest’anno sono cresciuti tantissimo, raffinando tecnica e impostazione, conquistando bandiere di peso. Da segnalare la performance di tutto rilievo di Bon che si è accaparrato la bandiera rossa della regata di Murano sbaragliando concorrenti ben quotati. Filippo, buranello, è cresciuto con gli insegnamenti del buon Suste e dello squerariòl-regatante Roberto Dei Rossi negli equipaggi misti delle maciarèle. Possiamo immaginare in mezzo a quante bandiere rosse abbia sempre vissuto il buon Mattia: fatta sua la scelta della voga alla veneta come proprio sport queste bandiere non potranno che costituire un buon stimolo per affermarsi sempre più e più spesso tra i primi. Quindi anche qui avremmo una tifoseria mista tra buranelli, muranesi e sarasmini (nonno Bufalo e nonno Candido con nonna Lucia, grandi campioni). 

Il viola di Alessio Chiozzotto (98) e Alessandro Vianello (96) è l’equipaggio fisicamente più maturo ma di più recente formazione di questa storica: grazie alla collaudata esperienza di entrambi, con pochi giorni di allenamento, hanno dimostrato di poter ambire al primo posto. Alessio è della scuola della Remiera Canottieri Cannaregio che da anni tifa per lui con il nonno allenatore "Ciano" De Min, già buon regatante cittadino; il promettente sodalizio con Giovanni Grassi si è rotto nel corso dell’estate e Alessio è riuscito a riportare Alessandro in barca. Infatti Vianello è l’unico dei “richiamati della riserva”, leva 1996, a riprendere il remo in mano; abituato a bandiere di peso non si accontenterà di un secondo posto; la sua scuola fa riferimento a Castello e alla gondola del babbo. Equipaggio quindi veneziano che speriamo porti molti concittadini a tifar per loro dalla barca in Canal Grande. 

 Il rosso di Giacomo Marangon (98) e Simone Vecchiato(98) si presenterebbe come favorito. Hanno dimostrato di aver tecnica e un ottimo affiatamento. Giacomo è cresciuto, in barca con la sorella, presso la remiera Cannaregio sotto gli insegnamenti del babbo e "Ciano" De Min e poi presso la Canottieri Giudecca dove tantissimi altri equipaggi e campioni si incontrano facendone una delle scuole più promettenti della laguna. Simone impara a vogare nel Gruppo Remiero Rivierasco , che per lui è una famiglia allargata, e poi conosce pregi e difetti di molte società della laguna, vagando da Mestre a Castello e infine alla Giudecca. Entrambi sono anche molto bravi a un remo con Simone che ha dimostrato di saper ben destreggiarsi pure in gondola. I risultati fin qui ottenuti dai due fanno ben sperare ai loro tifosi ma le insidie in regata sono molte e gli avversari molto agguerriti. 

Devo riconoscere che in fondo questo dei giovanissimi 2015 mi sembra un bel gruppo di buoni amici più che di accaniti rivali e immagino una regata molto corretta. Forse poco sportivamente, mi piace pensare che arrivino tutti primi al fotofinish con un alzaremi simultaneo quale saluto collettivo alla nostra laguna e abbraccio ideale alla Voga alla Veneta, oggi più che mai bisognose di giovani entusiasmi.



GLI EQUIPAGGI


1 - BIANCO
SCARPA DANIELE - ROSADA DAVIDE


2 - CANARIN
PASTOR GIACOMO - MERLO RICCARDO


3 - VIOLA
 CHIOZZOTTO ALESSIO - VIANELLO ALESSANDRO 



 4 - CELESTE
BUSETTO DAVIDE - BALLARIN MANUEL


5 - ROSSO
MARANGON GIACOMO - VECCHIATO SIMONE


6 - VERDE
BON FILIPPO - VIGNOTTO MATTIA


7 - ARANCIO
VIANELLO ANTHONY - VIO DAVIDE



8 - ROSA
ZANIOL MATTEO - MORETTI TOMMASO


9 - MARRON
MARESCA FABIO - PEDRON ELIA


RV - RISERVA
NERI GIORGIO - NERI PIETRO



LA PARTENZA DELLA REGATA STORICA GIOVANISSIMI 2014

Nessun commento: