martedì 26 maggio 2015

COMUNICAZIONE DI GAETANO BREGANTIN, PRESIDENTE ASSOREGATANTI




GAETANO BREGANTIN
PRESIDENTE ASSOREGATANTI



 


Cari amici regatanti,
Vi informo qui di seguito brevemente su quanto sta accadendo e quanto ha fatto e sta facendo l’Associazione.

Il Commissario che amministra il Comune non ha ancora provveduto alla predisposizione ed approvazione del bilancio preventivo per l’anno 2015. In questa situazione le singole direzioni del Comune non possono approvare le spese, non essendo in grado di sapere se le stesse possano trovare poi copertura.
 
In questo scenario, a ridosso del termine programmato per le iscrizioni, ci siamo accorti che non era stato pubblicato il consueto bando delle regate di Sant’Erasmo. Dopo una serie di colloqui con il Direttore del servizio Turismo, abbiamo appreso che il Comune non avrebbe fatto niente.
 
Ci sembrava davvero un delitto perdere una regata così tradizionale come quella di Sant’Erasmo, tra l’altro inserita in una festa nell’ambito della quale la manifestazione agonistica trova un entusiasmante collocamento.
 
Abbiamo quindi contattato il Presidente del Comitato Festeggiamenti, Stefano Nardin, che ha dato la sua piena disponibilità a mettere a disposizione dei regatanti le bandiere e a far predisporre il cordino di partenza (che sarà “tirato” dai figli di Rino Quintavalle). A questo punto si è posto il problema delle iscrizioni e delle selezioni: l’Ufficio regate del Comune da noi interpellato ha dato la propria disponibilità a raccogliere comunque le iscrizioni ed a predisporre il campo per le selezioni. A noi invece il compito di approntare il servizio di assistenza sanitaria e il servizio di cronometraggio, con una serie di ulteriori contatti con i vari responsabili per concordare disponibilità, tempi e costi. Abbiamo poi dovuto chiedere la collaborazione dei Giudici, che peraltro ci hanno dato immediatamente la loro disponibilità, anche in assenza del “gettone” comunale di loro spettanza. 
Infine, alla vigilia delle selezioni, è intervenuta anche VELA, che ci ha assicurato la copertura dei costi di cronometraggio e di ambulanza (oltre che per le selezioni anche per la regata).

Grazie dunque alla struttura dell’Associazione Regatanti, ed alla collaborazione di tutti siamo riusciti a predisporre tutto quanto necessario per la disputa delle Regate di S. Erasmo: e’ stata una faticaccia, ma siamo fieri di aver salvato la manifestazione.

Il problema ora si porrà anche per le ulteriori regate, se nel frattempo non dovesse venir approvato il bilancio preventivo del Comune. Poiché in questa fase non è veramente possibile far niente, e, in attesa del nuovo Sindaco, non abbiamo nemmeno un interlocutore politico con cui potercela prendere, dobbiamo evidentemente già preoccuparci di predisporre un piano sostitutivo. Subito dopo la regata di Sant’Erasmo abbiamo quindi già concordato un incontro con i vertici di VELA per individuare le opportune forme di collaborazione nell’ipotesi in cui il Comune continui a rimanere inerte.

Tanto vi segnalo perchè possiate anche rendervi conto di quanto sia importante la funzione dell’Associazione Regatanti che, grazie al Vostro apporto, si batte per continuare a difendere la tradizione del mondo delle regate: e per questo Vi rinnovo l’invito a sostenere in modo compatto tutte le iniziative che cercheremo di portare avanti.

Cordiali saluti a tutti,
 
Gaetano Bregantin
(Presidente Associazione Regatanti)



8 commenti:

Anonimo ha detto...

Tutto bello. Ma i giudici si potevano benissimo lasciare a casa.

Erasmo S. ha detto...

quanta ipocrisia...., la regata si è fatta come sempre perchè c'è un ufficio comunale preposto alla sua organizzazione, un comitato di festeggiamento di sant'erasmo, e un ente come vela che è delegato a finanziare tali eventi. Basta bugie di questi regatanti che prima mettono in giro voci catastrofiche, per poi prendersi meriti che non hanno. Ditelo che vi interessa solo i schei dei premi!.

Bepi ha detto...

Bregantin da quando xe presidente xe diventà un dotor de letere, sarà lo spirito santo....

Gaetano Bregantin ha detto...

Siete grandi solo a nascondervi chiamatemi e vi rispopndo oppure meglio ci vediamo faccia a faccia e vi spiego ancora meglio.

Uomo Ragno ha detto...

Gaetano ricordati che da un grande potere derivano grandi responsabilità...

Anonimo ha detto...

Gaetano è semplicemente un grande, uomo sincero e schietto, si è preso la briga di traghettare l'associazione in questo momento così delicato, alla faccia di chi sa solo criticare.
Per fortuna la MAGGIORANZA lo sostiene e lo aiuta.

Rudi Vignotto ha detto...

Invito tutti gli anonimi a firmarsi e a mettere la loro faccia come facciamo noi del consiglio dell'assoregatanti. E' troppo comodo tirare m....a e non firmarsi.
Se non fosse stato per noi del consiglio, la regata di S.Erasmo sarebbe saltata insieme alla festa del paese.
I meriti sono di noi che amiamo le regate e che abbiamo lottato contro il Comune e contro tutti perchè fossero svolte non certo di quei poveri che sparano cazzate.
Mi auguro solo che chi scrive queste provocazioni non sia pure qualche regatante!
E comunque, voi anonimi che vi ritenete sopra le parti, venite nel consiglio che abbiamo bisogno di gente che lotta come voi!

Lillo, sono anni che ti dico di pubblicare i commenti solo di coloro che si firmano!
Vedrai che non scrivono più!

Elkenia ha detto...

ti sbagli Rudi perchè possono firmarsi con qualsiasi nome e cio non è controllabile.