martedì 25 giugno 2013

REGATA DEI SS GIOVANNI E PAOLO (GIOVANI SU GONDOLE AD UN REMO) - DOMENICA 30 GIUGNO 2013 ORE 18:45: PRESENTAZIONE E PRONOSTICI


Probabilmente per aspettare gli eventuali tifosi che tornano da una giornata di spiaggia, partirà alle 18:45 la Regata dei s.s. Giovanni e Paolo o San Zanipolo che dir si voglia! Ma già alle sei i nove "uomini di quelli che non chiedono mai" saranno con le "colombe" della propria gondola appoggiate sulla grande riva di "Campo de l'ospeal", per ricevere la benedizione del frate, parroco di San Zanipolo appunto. Riceveranno dal religioso le raccomandazioni di andare in battaglia con fierezza e di usare armi che vadano daccordo con quei prinicipi di lealtà e correttezza che ti rendono un uomo, prima che uno sportivo, speciale. Probabilmente saranno parole che si perderanno al vento con velocità  indirettamente proporzionale a quella del calo del rifornimento zuccheri, con conseguente azzeramento delle sinapsi cerebrali e conseguente perdita di lucidità mentale. Ma il fair play và comunque predicato ed il frate ce la metterà tutta in questo senso. Poi tutti al faro di  Murano, luogo deputato per la partenza di quella regata che con profonda convinzione ritengo seconda solo a quella di Murano. Si combatte con un mezzo unico al mondo, lungo quasi undici metri, pesante quasi quattro quintali, dove non c'è nulla di dritto e di simmetrico da qualsiasi posizione lo guardi, dove un fregio come il "ferro" da  oggetto ornamentale, in presenza di vento può diventare una randa  e crearti ulteriori problemi. E poi c'è la corrente di marea pro o contro, la scelta dei fili d'acqua più performanti  e c'è qualcuno da superare. In certi momenti devi vestire i panni di Giorgio Chiellini e diventare il più grande stopper del mondo per contenere la foga di Neymar che vuol farti gol "a patoni" e vincere il mundialito! E poi devi far finta di essere un entrofuoribordo ed usare un piede duo-prop, che è "meglio che uan"! Perdiana! Ma quante cose deve fare il regatante solista! Sei solo, devi affrontare tutto questo e molto di più. Non c'è nessuno che ti puo consigliare, sostenere, aiutare in una scelta tattica da fare. Non puoi bere nè ti puoi alimentare per quarantacinque minuti. Non puoi nemmeno usare le mani per asciugarti il sudore che diventa acido muriatico dentro gli occhi quando esonda spaccando gli argini della bandana frontale. Non c'è ruota degna di poterti dare un attimo di sollievo alla quale incollarsi. Quasi quasi ti senti un orfano solo al mondo dalla sensazione d'abbandono ed impotenza che ti puo capitare. Queste sono le regate ad un remo! Per questo le ritengo più avvincenti di qualsiasi altra! Questa poi riguarda atleti giovani, ragazzi dai 18 ai 25 anni la cui peculiarità, propria dell'età appunto, è quella di sognare! Ed il sogno che ti puo regalare San Zanipolo è quello di ripetere la stessa regata contro i campioni affermati quindici giorni dopo nella Regata di Murano...sogni d'oro a tutti ragazzi, dal bianco al marron passando per il gufo rossoverde! 





GLI EQUIPAGGI E LE EMOZIONI DEI REGATANTI




1 - BIANCO
DEI ROSSI MARCO

18 DICEMBRE 1993
STUDENTE DI ECONOMIA E COMMERCIO CA' FOSCARI
VOGAEPARA BURANO



Pazza idea o un colpo di sole per gli organizzatori delle eliminatorie di San Giovanni e Paolo a un remo visto che senza avvertirci hanno ben pensato di allungare il percorso di 10 minuti rispetto all’ anno precedente? Il risultato è stato che la maggior parte di noi partecipanti è arrivata stremata poiché nessuno si aspettava questo cambiamento di percorso date anche le alte temperature di questi giorni e il forte vento del pomeriggio stesso. Forse l’ aggiunta di una boa supplementare per accorciare il percorso rispetto a quello degli uomini su pupparini a due a remi avrebbe portato un esborso troppo oneroso nelle casse del comune? Ora, viste le forti lamentele che ci sono state al momento delle eliminatorie ed ad una lettera giunta alla commissione dei regatanti il percorso delle prossime qualificazioni per Murano su gondole a un remo sarà accorciato di quasi un chilometro. Con questo vorrei sperare che per la regata e le future eliminatorie non si verifichino più sorprese del genere. Per quanto riguarda la regata conosciamo perfettamente chi sono i favoriti ed io molto umilmente non mi metto tra questi. Sfrutterò questa gara per farmi ossa ed esperienza per poi farmi valere alle prossime sei edizioni alle quali potrò ancora partecipare!







2 - CANARIN

D'ESTE ALVISE



6 LUGLIO 1992
"FIOSSO" (APPRENDISTA GONDOLIERE)
VOGAEPARA BURANO


Non mi ritengo una persona molto loquace, non amo parlare molto, figuriamoci davanti alla richiesta di fare un pronostico, sopprattutto per una competizione alla quale partecipo anch'io. Per quanto riguarda la mia attuale preparazione rispetto a quella della scorsa stagione, posso dire che ha risentito sensibilmente dell'influenza del mio nuovo compagno, Maurizio "sustin" Dei Rossi, campione affermato e di indiscusso valore con il quale ho condotto tutti gli allenamenti invernali e primaverili. A parte il livello atletico raggiunto, quello che ha aggiunto e sta trasferendo in me "sustin", è la convinzione nelle proprie possibilità e la cura delle caratteristiche motivazionali che sono differenti come il giorno e la notte tra un buon regatante ed un fuoriclasse. Soddisfattissimo della mia prestazione in eliminaroria sopprattutto per aver ottenuto il miglior tempo di batteria consapevole che per ottenere tale risultato mi sono spremuto del tutto. Ma dall'altra parte c'era un caorlotto di nome Davide Gusso che ha vogato, come si suol dire, "co una man" e mollando tutto nel finale, sbaragliando il campo da ogni posssibile dubbio su chi potrebbere essere il favorito numero uno della vigilia! Non vorrei aggiungere altro sulla regata, solo dire che come tutti gli altri miei otto avversari andro' là per portarmi a casa la bandiera rossa!





3 - VIOLA
GUSSO DAVIDE
   
24 OTTOBRE 1992
PERITO EDILE  - LAURENDO IN URBANISTICA
VOGA CAORLE
 

Massimo, anche se mi trovo un po' in imbarazzo a fare una cosa del genere provo a buttar giù due righe... grazie comunque per il lavoro che fai e per la passione che ci metti. "Parliamo di una delle regate più importanti, quindi sono felice di essermi qualificato così bene, e di aver superato le aspettative che mi ero prefissato. Spero che la regata possa andare allo stesso modo, nonostante sia difficile da credere. Questo perché, data la distanza delle prove a cronometro delle due batterie, non si è potuto realmente confrontare la bravura dei partecipanti. Nella mia batteria in pochi sono riusciti a dare il meglio di sé per la poca confidenza con la gondola o per altri imprevisti. L’allenamento da parte mia c’è stato (e mi sono pure difeso alla grande al “chi la spara più grossa sui pochi allenamenti fatti”). Non faccio pronostici per la gara perché portano sfortuna. Dico solo che con tanto blu, un po’ di verde e un pizzico di bianco, qualcosa di rosso non starebbe male in casa."





4 - CELESTE
CAENAZZO RICCARDO
 
17 DICEMBRE 1991
"FIOSSO" (APPRENDISTA GONDOLIERE)
G.R. TRE ARCHI


La mia batteria di qualificazione presentava nomi di sicura esperienza per quanto riguarda le regate su gondole ad un remo. Tutti atleti che avevano già partecipato ad almeno una delle precedenti edizioni  di San Giovanni e Paolo. La mia, di esperienza come solista del remo, era fondata al massimo su qualche regata sociale, anche vinta, su sandoli. Tutto un'altro mondo! Per questo motivo mi sono avvicinato alla fotocellula di Malamocco con un po' di timore e per questo motivo l'emozione che ho provato è stata di quelle forti, indimenticabili. Che soddisfazione tornare a casa con la celeste a traino! Che goduria vedere sulla faccia di papà, anche se tentava in tutti i modi di nasconderla, la soddisfazione per il mio risultato ed in quella di mamma il classico mistomare tra felicità e preoccupazione nel vedere la sua creatura soffrire e faticare in quel modo! Per me domenica 30 giugno sarà Alvise D'Este ad aggiudicarsi la competizione ed a guadagnare la wild card per Murano 2013, ma com'è noto ogni regata ha la sua storia e non si sà mai. Tutti gli avversari sono forti e nessuno è da sottovalture. Farò di tutto per non sottovalutare neanche me stesso e domenica si vedrà!





5 - ROSSO
RUSCIANO SAID


6 GENNAIO 1989
GONDOLIERE
 REMIERA CASTEO


 Ormai quel che è fatto è fatto ma vorrei usufruire di questo spazio per rimarcare le mie lamentele riguardo al  menefreghismo dimostrato dai giudici durante le selezioni per la Regata di San Giovanni e Paolo di giovedì u.s.. A mio parere delle persone adulte non dovevano infischiarsene di un percorso che già in termini di tempo cronometrico sarebbe stato da rivedere, anche in condizioni ambientali normali. Se poi mettiamo in conto il vento che tirava sul campo di gara e le temperature da record che si sono registrate quel pomeriggio, penso che avrebbero fatto cosa giusta se avessero ascoltato le immediate richieste di noi regatanti di restringere la nostra prova attorno alla mezzora. A questo punto chiedo solamente un occhio di riguardo per le prossime selezioni. Per quanto riguarda la gara molti mi mettono tra i papabili alla vittoria finale. Dicono che mi vedono in ottima forma. Non ci credo molto ma visto che non costa nulla, voglio usare un po' di superstizione per cui affermo che saranno D'Este e Gusso a contendersi la bandiera rossa domenica 30 giugno ma...io ci sarò! 





6 - VERDE
PAGAN TOBIA

9 GIUGNO 1992
MARINAIO ALILAGUNA - ISTRUTTORE FITNESS
CLUB NAUTICO SAN MARCO

 
 

San Giovanni e Paolo è una regata dalla quale non mi aspetto nulla perchè non sogno niente che riguardi la voga ad un remo.



 


7 - ARANCIO
BUSETTO FEDERICO

15 NOVEMBRE 1992
"FIOSSO" (APPRENSISTA GONDOLIERE)
CANOTTIERI GIUDECCA


San Giovanni e Paolo under 25 su gondole ad un remo, è una delle rarissime occasioni per i ragazzi che escono dalla categoria giovanissimi, di mettersi in mostra e dimostrare il proprio valore contando solamente sul proprio talento. In vetrina due nuovi pretendenti sembrano più quotati degli altri a guadagnarsi l'accesso alla Regata di Murano per la sfida dei campioni: Davide Gusso ed Alvise D'Este. Fortissimi, hanno dimostrato più che sufficientemente negli ultimi anni il loro valore vincendo regate a man bassa! Ma non dobbiamo dimenticare e tanto meno sottovalutare i due veterani della flotta. Said Rusciano e Samuele Busetto: sicuramente non staranno a guardare gli altri con le mani in mano e scenderanno a mare con la convinzione di raggiungere la vittoria. Dopotutto la regata è regata e solo lì si dimostra la propria forza ed abilità. Una piccola polemica per quanto riguarda le eliminatorie. Giusto il tempo di poter esprimere il mio disappunto verso i giudici di gara per non aver saputo cogliere la particolare situazione meteo e ridurre la prova sotto ai 30 minuti invece dei 35-40 che si sono disputati. Per la regata di Murano 2012 ad esempio, si è andati dai 30' 21" di Rudy Vignotto ai 33' 04" di G. Croff, ultracinquantenne! Si sognerebbero di far vogare la categoria campioni per 50 minuti? Mughini direbbe: madddddaiiiiii...





8 - ROSA
LAZZARINI FRANCESCO

29 AGOSTO 1991 
ASSISTENZA E VIGILANZA AL MOSE
CANOTTIERI TREPORTI


La Gondola ad un remo non è mai stata la mia specialità. Ho due fratelli maggiori che in passato hanno vinto questa regata ed il fatto che io non sia alla loro altezza in questa disciplina a volte mi butta giù. Mi sono allenato molto quest'Inverno, convinto che avrei vogato da prua ma alle porte della stagione mi sono accorto che non ero ancora pronto e così, per "rigirarmi" più in fretta da "poppe", ho scelto di partecipare a questa regata. In eliminatoria stavo andando bene ed al paletto, nonostante fossi partito piano, avevo il secondo tempo; poi purtroppo causa forte vento e poca dimestichezza con la Gondola da gara, ho saltato una boa e così, in preda all'incertezza, ho perso molto tempo per tornare indietro e rigirarla. Ringrazio per questo, contrariamente agli altri che si sono lamentati, chi ci ha fatto vogare per quasi 40 minuti! A me sono serviti per recuperare. Per la gara mi sento in forma e competitivo, ma sono ben conscio che avversari come Gusso, D'este, Said ed i Busetto sono veramente ossi duri, specialmente i primi tre che, a detta di tutti, sono i super favoriti. Io non so dirvi cosa succederà Domenica 30, staremo a vedere, so solo che ce la metterò tutta! Spero di fare una buona prestazione e di tornarmene a casa soddisfatto e ripagato di tutti gli allenamenti. Buon proseguimento, ciao.





9 - MARRON
BUSETTO SAMUELE

9 LUGLIO1989
ORMEGGIATORE
REMIERA CASTEO


Considero la Regata dei ss Giovanni e Paolo una gran manifestazione dove ognuno di noi giovani under 25 puo esprimere il suo reale valore. Tecnica, forza fisica e "mestiere" sono le peculiarità che ognuno di noi deve mettere in campo al fine di prevalere sull'avversario. Qui sei solo, il mezzo è pesante e problematico nel manovrarlo. Nessuno, se non la tua forza di volontà e tenacia, puo venirti in soccorso nei momenti di difficoltà e di bisogno. Quando le energie ti abbandonano devi fare conto solo su te stesso od al massimo su un "forza Samu"  di un vicino tifoso, che sembra arrivare echeggiante dall'altro mondo causa sconnessione mentale dovuta a sfinimento. Grandissima l'utilità di questa gara anche nel colmare il buco temporale nella vita di un regatante. Di riempire in qualche modo il passaggio tra essere stato un bravo giovanissimo e diventare un campione...o non aver le "cosiddette" ed abbandonare per non avere la pazienza di soffrire, continuare a crescere sotto tutti gli aspetti e maturare. Il mio pronostico? Vedo un possibile sgambetto da parte di Said ai due super favoriti Gusso e D'este! Per quanto riguarda la mia prova, qualsiasi risultato verrà fuori, il sorriso sulle labbra non andrà via! Sono entrato ancora una volta nel ruolo di San Giovanni e Paolo e per chi ama la voga veneta ed ha la mia stessa passione è già di un grosso risultato! Comunque scenderò in campo per cercare, come tutti, la vittoria!





RV - RISERVA
CONVILLANTONIO


 25 LUGLIO 1990
OPERAIO
CANOTTIERI CANNAREGIO



Domenica 30 giugno la splendida regata dei Santi Giovanni e Paolo  riserverà a tutti delle Grandissime Emozioni! Abbiamo 9 equipaggi di gran qualità agonistica e stilistica! Marco Dei Rossi, Alvise D'este, Davide Gusso, Tobia Pagan, Francesco Lazzarini, Federico Busetto, Riccardo Caenazzo, Samuele Busetto, Said Rusciano. Nove nomi che entreranno a far parte della storia di questa classica regata dove in palio c'è il lasciapassare per il palco più importante della Voga... la Regata di Murano per campioni su gondole ad un remo! Ebbene questi nove equipaggi dopo una estenuante ed eterna qualifica che ha messo a dura prova la loro resistenza si sono conquistati il posto in Regata! Veniamo dunque al mio personale pronostico... Badate, come sempre conteranno numeri d'acqua ed eventuali incidenti di percorso, però le prime due posizioni si sono già viste alle qualifiche. Pronti via!!! Subito dopo la partenza si formerà un gruppo di testa di quattro barche... D'este (furbizia e stile), Gusso (forza e tenacia), Busetto (esperienza e stile), Said (grinta e coraggio). Subito dietro Francesco, Federico, Riccardo, Tobia e Marco faranno una grandissima lotta per andare a rompere le scatole al possibile quarto che resterà indietro al gruppo dei primi. Al giro del palo avremo Alvise e Davide seguiti da Samuele e Said poi tutti gl'altri ancora li come lupi famelici pronti ad attaccare... Infine dopo il secondo giro del palo avremo una "cavatona" finale tra Alvise e Davide dove secondo me solo il fotofinish potrà confermare il vincitore! Questo è quello che mi aspetto da questa Regata dei ss Giovanni e Paolo.



IL VIDEO DELL'EDIZIONE 2012




Nessun commento: