domenica 20 maggio 2012

REGATA DE LA SENSA: DOMENICA 20 MAGGIO 2012: IL RESOCONTO







di Massimo Veronese



All'arrivo della "Regata de la Sensa 2012", i visi degli atleti bandierati che si sono via via succeduti al pontile delle autorità erano un misto di gioia e sofferenza come mai ho visto, magari solo perchè non così spesso si ha la possibilità di essere così vicini al palco come questa volta. Le facce avevano il sorriso di chi aveva conquistato l'ambito premio ma erano scavate e provate come quelle di un minatore che non vede luce da un mese! Segno evidente che domenica mattina c'è stata battaglia vera nell'arena del Bacino San Marco per conquistare e difendere il primato e qualsiasi altra posizione di classifica ritenuta soddisfacente. E la battaglia più grossa l'ha fatta l'equipaggio rosa, favorito della vigilia, che assieme al celeste aveva la peggior corsia di partenza. Contro il verde ed il bianco che, con numero d'acqua prossimo alle bricole, era favorito nel guadagnare fili d'acqua meno ostici. Angelin, Barzaghi ed i cugini Vignotto sulla gondola rosa, seguiti dal "muzato", "strigheta", "mazorin" e Gaetano Bregantin col celeste, si ergevano protagonisti di un'incredibile cavalcata controcorrente sotto riva dal Ponte della Paglia fino al punto d'ingaggio all'altezza del canale dei pompieri a sant'Elena, con l'equipaggio verde di Vianello, Bertoldini, "sustin" e "ciaceti" a sua volta seguito dal bianco di Redolfi, Marzi, "patatina" e Sabbadin. Come si sà, con l'acqua di crescente gli equipaggi che partono sotto San Giorgio hanno un rilevante vantaggio fino all'altezza del monumento alla Partigiana dopodichè devono fare il taglio ed andare in rotta d'ingaggio con gli equipaggi che hanno fatto gara a terra. Verde e bianco in quel momento non hanno avuto la determinazione di chiudere avanti e conquistare la riva che da quel momento in poi li avrebbe ancora avvantaggiati. Igor Vignotto ha impresso un ritmo forsennato ai sui prodi obbligandoli a capire che la regata l'avrebbero vinta da lì all'incrocio col Canale delle Navi. Franco "strigheta", al comando del celeste, da par suo non aveva bisogno di ulteriori delucidazioni in materia e spalmava un chilo di mastice tra il suo ferro e la poppa rosa! Risultato? Verde e bianco al campo costretti inesorabilmente a sfilare indietro ed accodarsi. Fortunati nel trovare un buco dopo il secondo e non dover sfilare oltre. Buco lasciato dal cedimento fisico dell'equipaggio canarin che non avendo avuto la forza di cucirsi dietro al celeste, si è trovato al campo nei confronti dell'arancio che nel frattempo si era conquistato un'ottima corsia sottoriva. Un richiamo ed una diffida per Fongher & C., il risultato del loro testa a testa. Da qui alla fine il calvario! Spossati e psicologicamente demotivati concluderanno la regata in ultima posizione dietro al viola di quattro "vecchiacci", si, pieni di passione e trasporto per questo sport ma che non potevano mettere sul tavolo gli stessi trofei e credenziali dei canarin: Bognolo, Carrettin, Ceciliati e Barrichello. Non bene oggi la gondola dei "Busetti". La loro corsia di partenza lasciava ben sperare ma per loro è stata una giornata no. "Massimo, no ghe gera niente da far, eà barca no caminava", sbrottava "renatino" al telefono! Comunque uno splendido Roberto sopra la poppa fà ben sperare i suoi beniamini per le future regate a due remi. Peccato non abbiano saputo difendere la verde dello scorso anno. Pagan, Ortica, Cristante e Diego Seno riescono a spuntarla sui "Busetto family" ma devono cedere al marron di Burano dei "lali", "paneti" ed Alvise D'este. Che splendido ventenne a condurre da poppa tre espertissimi della voga veneta! Complimenti davvero a lui e personalmente non vedo l'ora di vederlo confrontarsi alla Regata di San Giovanni e Paolo su gondole ad un remo. Said Rusciano, Joska Collavini, Baldin, Silvestri-Barina, Lazzarini dovranno ben tener conto della sua minacciosità! Ed appuntamento a giovedì 24 maggio a Malamocco per le eliminatorie per entrare nei ruoli della Regata di Sant'Erasmo giovanissimi, donne e uomini su pupparini.




I BANDIERATI








LA CLASSIFICA




8 - ROSA



VIGNOTTO RUDI - VIGNOTTO IGOR - ANGELIN ROBERTO - BARZAGHI FABIO



4 - CELESTE



DEI ROSSI FRANCO - PREVEDELLO DAVIDE - QUINTAVALLE LUCA - BREGANTIN G.




6 - VERDE



BERTOLDINI A. - VIANELLO MARTINO - ROSSI MAURIZIO - TAGLIAPIETRA STEFANO




1 - BIANCO



MARZI GUGLIELMO - SECCO ALESSANDRO - REDOLFI TEZZAT VITO - SABBADIN TIBERIO




9 - MARRON



D'ESTE ALVISE - MEMO MASSIMO - SENO GRAZIANO - SENO ALFREDO



7 - ARANCIO



ORTICA ANDREA - CRISTANTE FABRIZIO - PAGAN GIULIANO - SENO DIEGO




5 - ROSSO



BUSETTO ROBERTO - BUSETTO RENATO - BUSETTO GIANNI - BUSETTO SAMUELE




3 - VIOLA



CARRETTIN CLAUDIO - BOGNOLO GIUSEPPE - BARICHELLO GIUSEPPE - CECILIATI M.




2 - CANARIN



FONGHER GIANLUIGI - MASSARO MARINO - COLLAVINI JOSKA - BALLARIN LUCA











1 commento:

Anonimo ha detto...

Complimenti all'avv. Fongher che ha spodestato il collega Almansi dal trono di Re del trastolino .