domenica 13 maggio 2012

2^ TAPPA CIRCUITO FEMMINILE : CANNAREGIO - SABATO 12 MAGGIO - LA CLASSIFICA





SERVIZIO CURATO DAL NOSTRO INVIATO GIOVANNA BERENGO



L'ALBUM FOTOGRAFICO DI GABRIELLA LAZZARI




LA FOTOCLASSIFICA













LA CLASSIFICA


Silvia Moffa - Sara Nazzari (Canottieri Mestre)

Jane Caporal - Chiara Scarpa (Canottieri Cannaregio-Remiera Casteo)


Elisa Costantini - Elisa Busetto (Vogapara Burano)


Elena Almansi - Veronica Veronese (Canottieri Cannaregio-Remiera Casteo)


Matilde Tagliapietra - Anna Barbaro (Vogapara Burano)

Marta Bortolozzo - Sara Maurizio (Canottieri mestre)


Leida Tiozzo - Linda Doni (Canottieri Cannaregio)


Chiara Marangon - Maddalena Ammirati (Canottieri Cannaregio)


Giulia Toffolo - Carlotta Rumonato (Canottieri Mestre-Giudecca)


Sibylle Lohausen - Margaretha Breil (Canottieri Cannaregio - Giudecca)


Veronica Dei Rossi - Benedetta Costantini (Vogapara Burano)


























13 commenti:

Anonimo ha detto...

io credo che questa classifica sia da rivedere dal fatto che ci sia stato un giudice di gara non in grado del suo compito.Per primo la Almansi-Veronese erano da sqalificare,già al primo giro di boa erano andati in barca alla Tagliapietra-Barbaro e nel seccondo giro adiritura hanno saltato la boa e il giudice non ha visto nulla dichiarando di seguire la gara solo le 3 barche davanti e pur avendo circa 20 testimoni di varie remiere non c'è stato nulla da fare.E nel secondo caso è stata invertita la classifica dal 2° posto della Busetto-Costantini al 3°posto della Caporal-Scarpa per un motivo ancora da chiarire quando la Busetto-Costantini stavano alla poppa delle prime e la Caporal-Scarpa erano al campo stagando il giudice diceva alla Busetto-Costantini di fermarsi e mettersi alla poppa della Caporal-Scarpa,quando loro a 50 metri dal secondo giro di boa di loro iniziativa hanno deciso di mollare e mettersi loro al terzo posto.alle proteste di tutti(come avrete capito sono di Burano)non c'è stato nulla da fare,credo solo che quel giudice di gara pur essendo stato un campione gi voga (così mi è stato detto) se ne stia a casa sua,a me pare che sia stato di parte.

A modo mio ha detto...

E basta polemiche! Sono regate che hanno dei limiti organizzativi: questa è la mia personale e discutibilissima opinione. Sono iniziative importanti per quanto riguarda l'aspetto promozionale ma agonisticamente parlando hanno un valore limitato dato che non esiste un apparato giudicante formato appositamente. E aggiungo che anche in ambito comunale trovare un giudice "non imparentato" o "non amico" di qualche regatante è praticamente impossibile visto che si parla di un contesto locale di piccole dimensioni.
A maggior ragione quel che conta per questo tipo di eventi è la partecipazione complessiva non il risultato in sé. Il risultato per le singole partecipanti avrà più valore quando qualcuna di loro riuscirà a qualificarsi per le regate comunali.
Ah... dimenticavo: commenti sempre anonimi!Paura anche per queste baggianate a mettere il proprio nome!

Anonimo ha detto...

Buonasera sono ScarpaRoberto Mortadea condivido il rammarico di burano sulla classifica finale ma non condivido il loro comportamento a fine regata al momento delle premiazioni . Pertanto chiedo come membro del direttivo di avere il buon gusto di mandare una lettera di scuse alla remiera Canareggio e al suo Presidente

Anonimo ha detto...

Ma non capisco queste polemiche dovrebbero essere giornate di festa invece ci sono sempre problemi....anche tra i cadetti l'equipaggio che è arrivato quarto ha subito 3 abbordaggi compromettendo così la classifica finale. Eppure a fine regata i ragazzi "colpevoli" del fatto sono andati a chiedere scusa e si sono lasciati con una stretta di mano e con un "Va be' non importa.."
Questo dovremmo insegnare ai nostri figli e non piuttosto assistere a certe scene : insulti al giudice di gara, insulti alla remiera ospitante ("remiera di m...a") e ciliegina sulla torta andarsene prendendo 2 vassoi del rinfresco.....Mah

Elkenia ha detto...

ONORE A MORTADEA!!!!

Anonimo ha detto...

Precisazione:L'equipaggio 4°classificato è composto da due atlete della remiera cannaregio,visto i colori indossati per la gara.Casteo non centra.Saluti.

Elkenia ha detto...

Veronica Veronese, quarta classificata, ha indossato i colori sociali di Cannaregio per rispetto della gloriosa Società nella quale si allena con la sua compagna. Lei è iscritta alla società fondata da suo nonno e ti assicuro che di questo ne và orgogliosa. Dalla prossima regata avrà ben stampato sul petto il campanile per il quale batte il suo cuore!!!
Con tanta simpatia (basta che ti ghe moi de butar bensina sul fogo)suo papà:

massimo veronese

Anonimo ha detto...

E cosa c'entra in questo caso, può essere di qualunque società ma erano da squalificare comunque visto il comportamento in gara.se fosse stata onesta doveva ammettere il salto di boa.ciao cordiali saluti.

Elkenia ha detto...

...e se tu fossi stato un UOMO avresti messo una firma sul tuo commento prima di dare della disonesta ad una ragazza che tra le altre cose, assieme alla sua compagna, ha ammesso di avere saltato la boa! Và dal giudice a chiedere i motivi per cui ha soprasseduto a questo inconveniente. Magari chiedigli perchè altri giudici con tanto di licenza comunale hanno soprasseduto al salto di boa commesso da un grande campione poco tempo fà! Tutto questo invece di scappare con due plateau di tramezzini da quella che avrebbe dovuto essere una festa ed aver indignato un dirigente della tua società fino al punto di averlo indotto ad inviare una lettera di scuse al presidente di Canottieri Cannaregio! Per concludere, riguardo alle tue calunnie a delle ragazze senza presentarti, ti lascio ad una frase del film "il giorno della civetta" tratto da un romanzo di Leonardo Sciascia..ascoltala a questo link...

http://www.youtube.com/watch?v=3eLsTZladD8

Non offenderti, comprendimi, sono un papà che ha appena letto qualcuno che ha dato della disonesta a sua figlia!!!

massimo veronese

Anonimo ha detto...

scusami io sono il papà di Elisa Busetto terze qualificate sabato, mi scuso personalmente con te e con la remiera canareggio per queste parole non propio belle da leggere visto che anch'io sono papà anzi mi scuso sopratutto con il presidente Almansi per quelle reazioni da noi avvenute dopo la gara in presenza di ragazzi/ze non propio belle da vedere.ma vorrei chiarire con te e con chi la pensa allo stesso modo che quei vassoi di tramezzini erano nostri pagati di tasca nostra e non rubati dalla remiera come da voi dichirato,anche questo non è bello da vedere scritto,potete rimproverarci in qualunque cosa(ed è giusto dare il propio commento)ma non è giusto darci dei ladri.rifaccio di nuovo le scuse per l'avvenuto a nome di tutti noi.Alla prossima sfida e vinca la migliore ciao.

Elkenia ha detto...

...hai fatto bene a fare questa precisazione anche xchè è quello che si sente. Personalmente purtroppo non ero presente alla regata ed il mio intervento in questa sezione commenti è stato dettato dal fatto di sentir dare della disonesta a mia figlia. Disonesta ad una ragazza che è ad un esame dal 4° dan di karate e che insegna da più 10 anni ai bambini una disciplina che fà della lealtà il suo credo principale, nelle migliori palestre veneziane. Bravi sti paroni dee paestre ad affidarghe i fioi dei altri a nà disonesta!!! O qualche peculiarità sulla condotta morale l'hanno trovata in lei? Tutto ciò per una regata!?! Comunque, come per "mortadea", quello che hai dichiarato per me ti fà onore. Personalmente faccio i omplimenti alle Elise, ad Anna, a "Mati" ed a tutte le ragazze che con passione sopportano allenamenti duri e costanti. E complimenti a tutte le società e gli istruttori che si prodigano per seguirle e soprattutto per non perderle! Questa è una mia convinzione e lo dimostra il fatto che "uso" il mio tempo per dare visibilità al nostro sport. Non parlando della mia società ma parlando di "voga" di qualsiasi campanile! Di tutte le remiere! Xchè credo sia importante non partecipare inerme a quella che potrebbe essere la necrosi di una delle tradizioni più belle della venezianità! Hai ragione, alla prossima sfida e vinca la migliore! Domenica se le Elise fanno la regata sui sandoli e mi conosci, chiamami che beviamo qualcosa assieme, anche con quello della disonestà!

massimo veronese

Anonimo ha detto...

ciao a tutti,
leggendo questi commenti rabbrividisco, ma tuttavia mi sembra giusto dover aggiungere la mia. lo spettacolo offerto sabato è stato uno dei più brutti e sconvenienti a cui io abbia mai assistito nell'ambito delle regate dei nostri circuiti. la voga (almeno per me) rappresenta un modo per scaricare lo stress e per divertirsi, stando assieme ad amici ed amiche, facendo 'quattro ciaccole', ridendo e scherzando assieme. ciò che succede in gara resta e deve restare in acque di regata, altrimenti il divertimento se ne va e resta solo lo scontro. durante la regata ci sono stati diversi contatti e svariate situazioni 'dubbie'. nessuno può dire di chi sia effettivamente la colpa dell'abbordaggio avvenuto durante il primo giro del palo, o se sia giusto deviare eccessivamente le traiettorie a danno di altri equipaggi, o se un salto di boa sia volontario o causato da altri eventi: in tutto ciò il giudice in quanto tale (a prescindere da competenza, errori o carriera agonistica) ha la prima, unica e ultima parola, e le/i regatanti sono chiamati a chiarirsi tra loro e spiegare le proprie azioni, presumendo che in esse NON vi sia MAI cattiveria alcuna. sabato è successo questo, il pubblico ha assistito ad un pacato chiarimento tra anna, matilde, elena e veronica che si è concluso in una risata, perchè da regatanti si sa che in regata ci possono sempre e comunque essere impassi. la cosa, benchè con rammarico, era finita lì. ho trovato, come spesso succede, molto inappropriati gli interventi di persone terze, non direttamente coinvolte nella gara, che con toni non altrettanto pacati tentavano di far valere la propria ragione. essendo io stata arbitro di calcio ho assistito a molte scene analoghe anche in quello sport e, da patita che ne ero, ho iniziato a odiarlo, perchè il tifo non era più un contorno festoso ma un belligerante e fastidioso protagonista. ora, rivolgersi in tal maniera a chi ha faticato a giungere al traguardo è stato inadeguato sia nei confronti di chi la gara l'aveva interpretata che nei confronti del pubblico e degli altri atleti che in quel momento stavano ricevendo i loro premi. ed assicuro che sentire grida al posto che applausi non è nè bello nè simpatico per quanti avessero tagliato il traguardo. aggiungo infine che personalmente, una volta salita a terra, l'apprensione e la tensione post gara mi ha letteralmente fatta 'esaurire', portandomi a fare ciò che non avrei dovuto, ossia rispondere alle urla e alle provocazioni rivolte verso me e la mia compagna. mi scuso verso quanti posso aver irritato con le mie ribattute e quanti possono aver mal interpretato le mie poche parole di ripresa e di rammarico.

elena almansi

Anonimo ha detto...

ciao Elena sono Busetto papà di Elisa
come avrai letto ai post sopra ho con
Massimo,papà di Veronica Veronese,
chiesto scusa a tutti voi e alla remiera a nome mio e dei ragazzi/ze
per il "casino" fatto al momento delle premiazioni.Io personalmente
(non so se hai visto)stavo discutendo con la giuria per il motivo della rettrocessione al 3° posto delle Elise visto che ancora adesso non l'abbiamo ancora capito.
Comunque mettiamoci tutti una pietra sopra e buttiamoci tutto alle spalle.Ciao Elena e come ho già detto!alla prossima e vinca la
migliore