martedì 6 marzo 2012

IL RESOCONTO DELL'ASSEMBLEA DELL’ASSOCIAZIONE REGATANTI DEL 5 MARZO 2012









di Marino Almansi


Segretario dell'Associazione Regatanti



Si è tenuta lunedì 5 marzo la assemblea annuale ordinaria dell’Associazione Regatanti; erano presenti 6 rappresentanti su 10 equipaggi del ruolo dei gondolini della storica, 5 rappresentanti su 10 del ruolo delle donne, vari rappresentanti delle caorline ed alcuni genitori dei giovanissimi.

Il presidente Benito Vignotto ha quindi svolto la relazione sull’ attività del Consiglio nella stagione 2011, segnalando come la crisi economica del Comune, accompagnata dalla scarsa efficienza dei vertici dell’Ufficio regate e dal mancato reperimento di adeguati sponsor da parte delle istituzioni preposte, abbia negativamente influito sull’intera stagione agonistica. In questa fase l’Associazione ha ritenuto di dover “limitare i danni” cercando di collaborare con l’Assessore per tentare di tappare le numerose “falle”che di volta in volta si presentavano, a partire dalla messa a disposizione del cordino per la regata di S. Erasmo per finire alla cerimonia di premiazioni della Regata Storica.

Fortunatamente il 2012 pare presentarsi all’insegna dell’innovazione: andato in pensione Ferruccio Kleut, nuovo responsabile dell’ufficio regate è stato nominato Fulvio Pellegatta, che con la sua passione per il mondo della voga (già ampiamente dimostrata in un non lontano passato) sarà certamente in grado di contribuire a risollevare le sorti dell’intero settore.

Purtroppo la situazione economica del Comune per l’anno 2012 non è florida, ed al momento non è dato conoscere su quante e quali risorse potrà contare l’Assessorato per la organizzazione delle manifestazioni della stagione 2012. A questo proposito l’assemblea ha manifestato piena disponibilità a pubblicizzare in regata eventuali sponsor, comuni per tutti, reperiti dall’Ente organizzatore ai fini di una maggior copertura finanziaria dei singoli eventi, fermo restando il diritto dei singoli regatanti di riservare il consueto spazio sulla maglia e sulla fascia per l’eventuale sponsor personale.

A proposito di sponsor, viene ribadita la opportunità che i regatanti svolgano una attività di autopromozione in occasione di manifestazioni ed eventi, per entrare più a contatto con il tessuto sociale e per stimolare quindi nuovi interessi ed allacciare nuovi rapporti anche con operatori economici. Gloria Rogliani annuncia che la mattina di domenica 6 maggio organizzerà un grande happening di sport in piazza San Marco, con uno stand vicino al molo da affidarsi all’Associazione regatanti; nell’occasione i Campioni e le campionesse dovrebbero restare a disposizione del pubblico, aiutando anche a commentare una regata “sprint” di giovanissimi in programma sulle acque del bacino all’interno del frangi-onde dei gondolieri.

Per quanto riguarda il calendario per le regate, viene chiesto che le selezioni delle regate di San Giovanni e Paolo (in programma il 24) si disputino il 14 giugno e che quelle di Murano (in programma il 1° luglio) si disputino il 19 giugno.

Per quanto riguarda le selezioni dei gondolini della storica, viene chiesta una diversa modalità di selezione: i migliori nove equipaggi iscritti passano direttamente al secondo giorno; tutti gli altri fanno una preselezione dalla quale usciranno nove equipaggi così da formare due batterie il secondo giorno, con i primi tre di ciascuna batteria direttamente in storica; tutti gli altri, come di consueto, alla batteria di recupero. Per le date delle selezioni vengono indicati i giorni 13, il 16 ed il 20.

Per la partenza delle batterie, per evitare partenze “lanciate” viene chiesto che venga predisposta una partenza da fermi, e nella immediata prossimità della linea di partenza.

Per quanto riguarda il criterio di partenza, viene chiesto che venga fatto partire per primo il più debole e via via in scala fino al più forte; il primo a partire della prima batteria sorteggerà un colore e quindi partirà con quel colore seguito in scala da tutti gli altri colori nell’ordine consueto (ad esempio in una batteria di nove equipaggi il primo sorteggia il viola e così gli equipaggi partiranno nel seguente ordine: viola, celeste, rosso, verde, arancio, marron, bianco e canarin); gli altri primi delle successive batterie continueranno a partire con la stessa barca sorteggiata dal primo della prima batteria.

Per quanto riguarda i Giudici di gara in primo luogo viene chiesto che il giudice di arrivo sia munito di un dispositivo per riprendere gli eventuali arrivi ravvicinati, in modo da fugare qualsiasi dubbio o perplessità; in secondo luogo viene ribadita la necessità di un completamento dell’operazione di “ricambio generazionale” in modo che si possa davvero costituire un corpo arbitrale capace, autonomo ed indipendente da qualsiasi possibile condizionamento interno ed esterno. Occorre quindi individuare nuovi aspiranti arbitri spingendoli a partecipare al nuovo corso già indetto per la stagione 2012.

Infine, per quanto riguarda il punteggio, pur ritenendo nel complesso l’esperimento positivo, sono state evidenziate diverse anomalie per le quali dovrà necessariamente studiarsi una correzione: sostanzialmente bisogna in qualche modo offrire maggiore tutela a coloro che conseguono punteggi nelle regate di serie “A”, riconoscendo loro un “bonus” specifico per la partecipazione alle selezioni di serie “A”, ed evitando loro di poter peggiorare il punteggio qualora disputino selezioni a quattro e sei remi; parimenti sarà necessario evitare che un “mediocre” inserito in una caorlina o in una gondola a quattro remi di campioni acquisisca grazie a loro un punteggio che in realtà non rispecchia il suo reale valore. Infine un problema particolare è rappresentato dal criterio di attribuzione del punteggio per le regate di Murano ad un remo: bisogna trovare un giusto equilibrio tra il punteggio acquisito dall’atleta nelle regate a due remi ed il punteggio eventualmente acquisito nelle regate ad un remo del biennio precedente, in modo da evitare che un forte proviere, poco esperto nella voga ad un remo, venga sopravalutato, ed un forte poppiere, che non ha disputato selezioni ad un remo negli ultimi anni, venga invece sottovalutato. Per tentare di risolvere queste problematiche verrà chiesto l’intervento del cronometrista Marco Riato (che ha sostanzialmente gestito il sistema di punteggio nella stagione 2011) perché effettui cortesemente le opportune simulazioni al fine di individuare il criterio più rispondente alle esigenze rappresentate.

L’assemblea ha terminato quindi la sessione di lavoro con il proposito di riconvocarsi prima dell’inizio della stagione, anche per conoscere gli orientamenti del Comune sia in ordine alle nostre richieste, sia in ordine alla organizzazione delle singole regate ed al reperimento delle relative risorse per l’intero settore, premi compresi.




Nessun commento: