sabato 7 maggio 2011

1^ REGATA AD UN REMO DONNE ESORDIENTI - SABATO 7 MAGGIO - IL RESOCONTO


1^ REGATA AD UN REMO DONNE ESORDIENTI
( SU PUPPARINI )

SABATO 7 MAGGIO

IL RESOCONTO






SERVIZIO FOTOGRAFICO DI DI KEVIN LUCICH







di Massimo Veronese



Era soddisfatto ed emozionato il presidente della Vogaepara al momento delle premiazioni della prima regata ad un remo per donne esordienti. Franco Dei rossi "strigheta", ha tenuto sottolineare l'importanza di creare sempre più trampolini di lancio per questa categoria, creare motivazioni valide per cui delle giovanissime trovino stimoli per continuare a lavorare duro con remi , forcole e barene da attraversare e diano continuità alla nostra arte anche al femminile. Bene l'ormai collaudato circuito femminile esordienti che quest'anno si è arricchito di una nuova tappa in quel di Pellestrina, incoraggiante, anche come numero di partecipanti, qualche settimana fà la regata su mascarete ad un remo di Cannaregio, un pò più impegnativo il pupparino che ha visto la partercipazione di sole sei ragazze. "L'importante è cominciare", ha affermato Franco "strigheta", "l'anno prossimo ce ne saranno di più, l'entusiasmo sarà contagiante, sono orgoglioso delle sei giovani che oggi hanno dimostrato un livello tecnico che non mi aspettavo ed hanno gareggiato in condizioni impossibili per il forte vento". Ad onorare le regatanti premiandole, la presenza di numerose campionesse del remo: Anna Campagnari, Wally Zanella, Elena Costantini, Erika zane, Giulia Tagliapietra e Laura Tagliapietra.












Troppo vento per disputare la regata sul classico percorso delle esordienti di Burano. Si opta per la circumnavigazione dell'isola in un tracciato circolare che mette subito dei paletti alle atlete con numeri d'acqua esterni. Veronica Veronese col sei parte troppo, troppo forte nell'intento di superare gli equipaggi sulla sua destra ed avere la possibilità di conquistare la riva e con lei la rotta più breve. Era palese che avrebbe presto pagato atleticamente e così è stato. Più tardi s'invaghisce di una bricola, le fà una carezza col remo e s'infila in una cavana con una manovra d'approdo degna del suo mestiere! Jane Caporal impone la superiorità dimostrata a Cannaregio in mascareta. Barca sempre "stagando" e caricata sulle sue forti braccia di tempra australiana. Costante e sicura accoppa tutta la ciurma e già alla prima curva fà il buco. Andrà a vincere con un distacco incredibile. Leida Tiozzo da Sottomarina si fà sorprendere in partenza e comunque non riesce a trovare i bioritmi giusti tra lei ed il vento. Non si abbatte ed alla lunga, con la pazienza che la contraddistingue, riesce a rimontare andando alla conquistare la bandiera blu. Magda Tagliapietra, quattordici anni, figlia di Loris campione della regata storica. Il suo papà ha rotto col suo compagno di tante battaglie "sustin" decidendo di prendersi un periodo di riposo psicofisico. Questi ha tutto il tempo di scaricare addosso alla figlia il bagaglio tecnico accumulato in tanti anni ed i risultati si vedono! Magda conquisterà la bianca senza storie. Bravissima anche la pupilla di Wally Zanella, Elisa Filippi, anche lei giovanissima, agguerrita e con grinta da vendere nonostante lo sguardo tenero e timido del suo volto. Sfrutta al meglio il numero d'acqua sottoriva e si conquista con personalità la posizione che gli frutterà la verde rintuzzando un paio d'attacchi della Tiozzo. L'ha detto subito la più pazza scatenata delle giovani promesse del remo: "ancuo no xe zornada, gera mejo se stavo in letto". Era meglio si stare a letto ma la sera prima della gara invece di andare a festeggiare (smile!): Elena Almansi. Anche per lei, come per la provina con la quale parteciperà alle "esordienti 2011", giornata da dimenticare. Ricordiamo alle atlete di tenersi calde perchè è nell'aria l'organizzazione di un'altra regata su pupparini per esordienti.










LA CLASSIFICA





JANE CAPORAL






MAGDA TAGLIAPIETRA





ELISA FILIPPI





LEIDA TIOZZO





ELENA ALMANSI





VERONICA VERONESE

















SERVIZIO FOTOGRAFICO DI DI KEVIN LUCICH

Nessun commento: