lunedì 25 aprile 2011

REGATA DEI TRAGHETTI 2011: LUNEDI' 25 APRILE - IL RESOCONTO







di Massimo Veronese


A livello nazionale è il giorno della Liberazione dell'Italia dall'oppressione nazi-fascista, evento importantissimo da commemorare, ma per noi veneziani il 25 aprile assume dei connotati particolari, unici, che ci rendono orgogliosi di aver avuto la fortuna di nascere in una città come la nostra. E' il giorno in cui si festeggia il nostro Patrono, San Marco, è la "Festa del bocolo" dove l'usanza impone agli innamorati di regalare alla propria amata il bocciolo di rosa con il gambo più lungo. E' anche la festa dei gondolieri e per questo motivo i "pope" usano, da tempi memorabili, sfidarsi a loro modo, su gondole a quattro remi, ognuno a difendere l'onore del traghetto di appartenenza! Tutti cercano di formare l'equipaggio migliore, di sfoderare i propri campioni, possibilmente gente da Regata Storica. A volte i traghetti dispongono in esubero di atleti che vogliono rappresntare il proprio stazio e significativo è stato il caso del Traghetto S.S. Trinità (Bauer) per rappresentare il quale, l'anno scorso, i colleghi hanno dovuto effettuare una eliminatoria a due!





San Beneto, Molo, Bauer, S.M. del Giglio i favoriti della vigilia: Luca Quintavalle, Franco Dei Rossi, Gianni Valentini, Andrea Bertoldini, Renatino Busetto, Vito redolfi Tezzat, Alessandro De Poli i nomi di spicco di questi equipaggi. Giudici di gara Franco "crea" Vianello, Doriano Busetto e Bruno "strigheta" Dei Rossi...nessuna gara è mai stata diretta da nomi così altisonanti tutti assieme !!! Si parte con acqua di "dozana", controcorrente, dallo stesso punto in cui parte la Regata Storica, dal monumento alla Partigiana dei Giardini di Castello direzione "Canalazzo". Non ha un buon numero d'acqua il celeste di San Beneto. A centro canale l'acqua fila molto di più che sotto i pali. Ma qui esce il mestiere del terzo classificato all'ultima storica, "el muzato", al secolo, Luca Quintavalle. Guida un equipaggio formato da un ex regatante della classe di "sinqueire" e due giovani emergenti poco più che ventenni dei quali sentiremo presto parlare nei quartieri residenziali della voga: i fortissimi Joska Collavini e Said Rusciano, vanto della nostra remiera, allievi dei cugini Vignotto. Luca chiede ed ottiene dai suoi una "cavata" al fulmicotone che gli permette di mettere mezza barca avanti a tutti gli avversari che aveva dalla parte delle "bricole". Questa mossa gli dà l'opportunità di tenerli più premando possibile e navigare lungo un filo d'acqua più favorevole. Tra l'Arsenale e San Zaccaria sono avanti a tutti. Seguono appaiati a coppie viola e rosso, marron e rosa mentre perde strada il bianco di Roberto Busetto. Errore tecnico nell'impostazione della forcola di poppa per Mattia Zago, brutto numero d'acqua per il suo verde, alla fine avrà l'onore di portare i suoi alla conquista dell'ambitissima bandiera nera! Ed il favoritissimo della vigilia, l'arancio di Bertoldini e Renatino Busetto? Fuori dalla bagarre con numero d'acqua sottoriva sfruttano la bonaccia ed escono dal nulla all'altezza di Piazza San Marco a mezza lunghezza dal celeste. In quel mentre il viola di Guglielmo Marzi, è al "zocheto" del celeste col ferro pericolosamente a sfiorare le ascelle del "muzato". Un'onda inaspettata e Guglielmo perde la barca "stagando" danneggiando involontariamente San Beneto di quel tando che permette alla gondola del Bauer di recuperare il gap ed appaiarsi. Testa a testa fino al Ponte dell'Accademia ma alla prima curva a destra c'è il sorpasso. Il rosso del molo nel frattempo vince la sua battaglia col Danieli che precedentemente aveva regolato le velleità del team di Santa Maria del Giglio. Performance incolore per il marron di Santa Sofia capitanato da un Campione della Regata di Murano ad un remo del calibro di Alessandro Secco, "patata". Come detto vince la regata alla rovescia il Traghetto "Dogana" sul bianco di Riva del Carbon, aggiudicandosi la nera! Regata correttissima, anche il piccolo incidente causato dal "tocco" del Danieli che forse è costato la vittoria a San Beneto è stato regolato e compreso sportivamente in gara. Festa granda in Campo de l'Erbaria a Rialto alla presenza di tante autorità. Rosa Salva, l'assessore Panciera, il Presidente della Provincia, Aldo Rosso, Giovanni Giusto per il Coordinamento delle remiere, Renzo Scarpa ed altri Consiglieri comunali, Cesare Peris per l'Ente Gondola ed il presidente dei Bancali Aldo Reato. Classica merendata accompagnata dalle canzoni della tradizione eseguite dai musicisti dell'ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE NOTE VENEZIANE!












LA CLASSIFICA




7 - ARANCIO - S.S. TRINITA - BAUER



BUSETTO "lilly " RENATO - BERTOLDINI "cici" ANDREA
REDOLFI TEZZAT DIEGO - BERTOTTO LUCA





4 - CELESTE - S.BENETO



QUINTAVALLE "muzato" LUCA - ROVERATTO "sinqueire" C.
COLLAVINI "el rosso" JOSKA - RUSCIANO SAID





5 - ROSSO - MOLO



REDOLFI TEZZAT VITO - MEMO "memeto" MASSIMILIANO
FARNEA MARCO - DE POLI "pastazuta"ALESSANDRO




3 - VIOLA - DANIELI



NARDIN "lupociccio" ALVISE - MARZI GUGLIELMO
PAGAN "maradona" ALBERTO - PAGAN "maradona jr"TOBIA




8 - ROSA
- S. M.DEL GIGLIO



DEI ROSSI "strigheta" FRANCO - VALENTINI "fiasceto" G.
BUSETTO "armaron" SAMUELE - MEMO FILIPPO





9 MARRON - S.SOFIA



SECCO "patata" ALESSANDRO - BENIAMIN PAOLO
ZENNARO MICHELE - BOSCHIERO OLIVER





1 - BIANCO - CARBON



PELLICIOLI LUCIANO - ROBERTO "armaron" BUSETTO
ZANGRANDO FABIO - TREVISANATO GIAMBATTISTA





6 - VERDE - DOGANA



TONELLO "el macho" MASSIMO - ZAGO MATTIA
LAZZARI "paste" MARCO - DELLA TOFFOLA SEBASTIANO








Nessun commento: