martedì 23 febbraio 2010

MAN ON THE RIVER OVVERO...UN UOMO SUL FIUME !!!

CLICCA SUL LOGO PER COLLEGARTI AL SITO DELL'IMPRESA


MAN ON THE RIVER

UNA BARCA E UN UOMO ATTRAVERSO L'EUROPA SUI FIUMI DEL VECCHIO CONTINENTE PER RESTITUIRE L'UOMO ALLA NATURA, LA NATURA ALL'UOMO, L'UOMO ALL'UOMO...PER UN UOMO NUOVO!



LE DOMANDE

Possiamo continuare ad “usare” la Terra, senza limiti, senza senso? Possiamo continuare a distruggere, consumare, gettare? Un vivere “sostenibile” è possibile? E possono bastare convegni, campagne, tam tam in rete? Non c'è forse il bisogno di un gesto semplice e allo stesso tempo epico? Un gesto nuovo e antico?



LE CIFRE


5.200 chilometri, 6 mesi su una barca a remi, giorno e notte, 1.000.000 di vogate sul Reno e il Danubio, dalla Manica al Mar Nero; ad aiutarlo – attraverso 15 paesi, da Londra ad Istanbul, passando attraverso Inghilterra, Francia, Germania, Austria, Slovacchia, Ungheria, Serbia, Bulgaria, Romania e Turchia – ci sarà solo il vento, una vela. Tutto questo non per una performance sportiva, ma per raccontare un nuovo rapporto con la natura, con l'acqua, con i fiumi. È l'impresa di Giacomo De Stefano, astigiano ma veneziano d’adozione, 44 anni. Qualcosa di più di un ambientalista, lui si definisce un “viandante del nuovo mondo”. Il miracolo dell'impresa sta scritto alla voce budget: 0 euro. Tutto ruota attorno ad un' “economia de dono",della gratuità. Aziende private, amici, partner: lavorano con lui, gli stanno fornendo mezzi e idee; tutti stanno creando le condizioni per rendere possibile un qualcosa che ha dell'eccezionale.



UN UOMO

Chi è quest'uomo folle? Chi è mai questo profeta dell'acqua, questo “man on the river” che sembra quasi giocare il ruolo di un Forrest Gump in barca? Giacomo si descrive come una “persona semplice”. Dopo aver trascorso diversi anni della sua vita lavorando come ricercatore e documentarista, si è posto l’obiettivo di rendere consapevoli uomini e donne della civiltà dei consumi (del tanto ad ogni costo) su come lo stile di vita sia decisivo per l’ambiente. Vive su una barca nella laguna di Venezia; vive con poco, perchè spesso “meno è più”, e sa resistere a quasi tutte le condizioni. Nel 2008 il suo ultimo progetto, “Un Altro Po” (www.unaltropo.com), lo ha visto risalire il fiume Po da Venezia a Pavia, in un viaggio seguito con collegamenti giornalieri da Radio 24 e con oltre 200.000 contatti sul proprio blog.



MAN OF THE RIVER

Ad aprile, partirà da Londra, con “Man onthe River”. Sei mesi in barca a remi, farà leva solo sulle sue braccia, le braccia di un uomo: un uomo che racconta un nuovo umanesimo, oltre la tecnica dei motori a mille cavalli. Perchè “Man on the River”? Per secoli i fiumi sono stati il principale mezzo di collegamento tra civiltà e di approvvigionamento di acqua per l’uomo: non a caso quasi tutte le più grandi città sorgono sulle rive di un fiume. Oggi la maggior parte delle vie fluviali è abbandonata a se stessa, privilegiando altre vie di trasporto inquinanti e costose, e ancor peggio scaricando nei fiumi rifiuti e liquami sia urbani sia industriali che stanno portando ad una lenta morte di tutta la vita fluviale. Con “Man on the River” Giacomo vuole ridare centralità ai fiumi che attraversano l’Europa: partendo dal Tamigi, attraverserà il canale della Manica, risalirà i canali francesi fino a Strasburgo, si immetterà prima nel Reno fino a Norinberga e successivamente nel Danubio, attraversando Vienna, Bratislava e Belgrado fino a sfociare nel Mar Nero, e di lì ad Istanbul per una durata prevista di cinque mesi. Sulla scia della sua barca proverà a tracciare anche la via per un nuovo mondo, la strada per nuove opportunità economiche, una forma di turismo maggiormente rispettoso e sostenibile, dimostrando che non solo si può viaggiare con poco e rispettando la natura, ma che questa forma di turismo è immensamente più ricca di emozioni e soddisfazioni.



CAMBIARE SI PUO'

“Man on the River”: un viaggio attraverso il cuore dell’Europa, un cuore verde che cerca spazzare un cuore nero ed inquinato, al grido di “Cambiare si può”. Che sia la versione europea – originalissima ed affascinante - del “Change” americano?

1 commento:

Giacomo ha detto...

Grazie amici! Sono onorato che mi abbiate dato spazio.
Sono a vostra disposizione per qualsiasi incontro o altro per vedervi e raccontare. Ho messo nella parte stampa in Viaggio il link del vostro sito bellissimo. Complimenti per il lavoro che state facendo. Se avessi più tempo per 'na bea vogada saria veramente contento.
A presto